Abbadia San Salvatore: sindaco Fabrizio Tondi ,”salvaguardare verde nella sicurezza”

Di Massimo Cherubini

“Salvaguardare il verde nella sicurezza”. Non è uno spot, è la politica che Fabrizio Tondi, sindaco di Abbadia San Salvatore, rivendica in un momento in cui solo la fatalità ha evitato il peggio.“Da mesi -ci dice il primo cittadino- abbiamo avviato una politica di prevenzione, di verifica, di tutela, di protezione del verde pubblico. Quando le verifiche sentenziano la pericolosità della pianta procediamo, come abbiamo già fatto in molti casi, a tagliarla per poi innestarne una nuova. Una politica che abbiamo illustrato nel corso di un pubblico convegno nel quale, gli esperti, hanno puntualmente rappresentato come anche per le piante c’è un ciclo, più o meno lungo, di vita. Una politica investita da polemiche che oggi vengono azzittite da fatti e danni gravi. Rivendichiamo di essere andati avanti con decisione perché convinti che il patrimonio del verde pubblico deve essere salvaguardato nel contesto della sicurezza e incolumità pubblica”.Un lavoro, quello di verifica e di eventuale taglio, enorme, impegnativo. “Si tenga conto -ci dice Antonio Petrucci responsabile dell’ufficio tecnico- che solo nei viali contiamo 800 piante. Le stiamo valutando tutte e ad oggi ne sono già state abbattute settanta. Un lavoro che stiamo portando avanti, avvalendoci della consulenza del professor Antonio Gabellini -esperto del verde urbano- proprio mappare lo stato del nostro verde pubblico e metterlo in sicurezza”.Ironia della sorte quella pianta caduta in via Udine ancora non era nella “lista” dei tagli- e sicuramente non è la sola- da eseguire perché il lavoro, decisamente impegnativo, è, in questo momento , in altre aree. Dopo quanto accaduto è facile prevedere che si darà subito corso ad accertare lo stato degli altri alberi che si trovano in questa zona.