Banca Etruria: Federconsumatori, “proseguiamo la nostra battaglia”

Sono 1.526 le costituzioni di parte civile degli associati Federconsumatori ammessi nel processo “Banca Etruria”. Nonostante l’opposizione dei legali degli imputati, il giudice ha reso legittima la possibilità di ottenere il ristoro del danno morale subito per l’integrale perdita degli investimenti, molte volte i risparmi di un’intera vita. “Questa decisione è senza dubbio un ulteriore passo avanti verso il riconoscimento dei diritti di ogni singolo risparmiatore – commenta il Presidente di Federconsumatori Siena Luca Falciani -; ci riteniamo soddisfatti di questa decisione, anche a conferma del lavoro svolto dall’Associazione. Proseguiremo con tutte le iniziative necessarie di tutela e informazione per chiunque decida di rivolgersi ai nostri sportelli.”