Caccia: mondo venatorio unito per contrastare un” monologo della RAI  palesemente fazioso e diffamatorio”

Da FENAVERI (Federazione Italiana della Caccia, Enalcaccia,ANUUMigratoristi), Arcicaccia,Liberacaccia, Italcaccia e CNCN – Comitato Nazionale Caccia e Natura), riceviamo e pubblichiamo un comunicato congiunto contro la trasmissione “Indovina chi viene dopo cena” andata in onda il 4 dicembre sui Rai3 e dedicata al tema “lupo, gestione ambientale e caccia”

“Le scriventi organizzazioni sottolineano negativamente l’approccio assolutamente “partigiano”, da campagna elettorale a supporto delle posizioni animaliste e fondamentaliste(dal giornalismo d’inchiesta si passa a quello “a richiesta”) che ha caratterizzato il programma, dando vita a una trasmissione monocolore,ricca di inesattezze tecniche – quando non vere e proprie falsità – sostenute con argomentazioni prive di riscontri oggettivi. Che l’informazione si spenda per eleggere animalisti è sintomatico dei limiti di una comunicazione che dovrebbe essere libera, atteggiamentogià non comprensibile.Che lo faccia la RAI, che è l’“informazione pubblica”, è grave.L’unico tendenzioso obiettivo, neppure velatamente mascherato, è attaccare ancora una volta la caccia e i suoi praticanti.Per questi motivi il mondo venatorio compatto e il CNCN hanno deciso di rivolgersisenza indugi, con i mezzi e nei modi ritenuti più idonei, alla direzione Rai, ai Partiti eai Gruppi Parlamentari perché la Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi faccia chiarezza e garantisca la par condicio e le rappresentanze del pluralismo delle idee, oltre a segnalare il caso all’Ordine Nazionale dei Giornalisti. Parallelamente è stato dato mandato ai propri legali di valutare gli estremi per intentare un procedimento legale per diffamazione nei confronti della conduttrice e della Rete. Auspichiamo che di fronte alla criminalizzazione dell’attività venatoria, facendo di “tutta l’erba un fascio” (come dire che gli automobilisti sono tutti pirati della strada) sia data la possibilità di replica immediata.Infine, si chiede che la magistratura, alla lucedelle denunce di illeciti formulate nel corso della trasmissione, indaghi e colpisca i responsabili (nome e cognome) di reati di cui è venuto a conoscenza il giornalista”.