Chiusi non è entrata, insieme a Viterbo e a Orvieto, tra le 10 città finaliste per il titolo di “Capitale Italiana della Cultura 2018”

juri-bettollini-mediumchiusi-cattedrale-mediumLa città di Chiusi non è riuscita ad entrare tra le dieci finaliste per concorrere a diventare “Capitale Italiana della Cultura 2018”. La Città guidata dal sindaco Juri Bettollini si era candidata a quel titolo insieme a Viterbo e a Orvieto, unico esempio di proposta interregionale e interprovinciale legato al progetto di area dalle profonde radici etrusche, ma non ce l’ha fatta ad entrare in finale. “Peccato – ha commentato il sindaco Bettollini – ma ci riproveremo perché siamo sicuri di avere tutte le carte in regola. E’ stata comunque una grande soddisfazione essere a questo punto. La nostra città puà e deve vivere di cultura e le recenti Conferenze Programmatiche su Cultura Arte e Turismo hanno avviato una strada importante che adesso dobbiamo saper percorrere. Invio un grande ‘in bocca al lupo’ alle dieci città finaliste che sono Alghero, Aquileia,Comacchio, Erice,Ercolano,Montebelluna, Palermo, Recanati, Settimo Torinese e Trento”. Alla città vincitrice verrà assegnato un milione di euro e  verrà decisa l’esclusione delle risorse investite nel progetto dai vincoli del patto di stabilità.