Sarteano: minoranze abbandonano aula ; Andreini (lista “Ascoltiamo i sarteanesi”),” calpestati diritti consiglieri opposizione . Capogruppo maggioranza Nocchi evidenzia sua ignoranza riguardo Tuel e regolamento consiglio comunale”

Dal capogruppo della lista di minoranza “Ascoltiamo i sarteanesi” Piero Andreini riceviamo e pubblichiamo

“Sicuramente parlando di “sceneggiata delle minoranze”  il capogruppo di maggioranza Mattia Nocchi sarà stato convinto fare la sua bella figura, ma ritengo che difficilmente la maggior parte dei lettori possa essere tanto superficiale. Nella sua esposizione dei fatti Nocchi ha omesso di elencare il punto 5 dell’Ordine del Giorno con il quale veniva portato nuovamente in approvazione il bilancio consuntivo 2016. Non è la prima volta che Nocchi evidenza la sua ignoranza riguardo il Testo Unico degli Enti Locali ed il regolamento dei Consiglio Comunale.Il comma 2, art 227 del TUEL prescrive che: […] La proposta è messa a disposizione dei componenti dell’organo consiliare prima dell’inizio della sessione consiliare in cui viene esaminato il rendiconto entro un termine, non inferiore a venti giorni, stabilito dal regolamento […]mentre in ottemperanza a tale dispositivo, il comma 8, Art. 43 del Regolamento per il Funzionamento del Consiglio Comunale di Sarteano prescrive: “Il regolamento di contabilità stabilisce il termine, non inferiore ai 20 giorni dalla data dell’adunanza del Consiglio stabilita per l’esame, entro il quale devono essere depositati a disposizione dei Consiglieri Comunali il rendiconto della gestione, gli allegati prescritti e la relazione dell’organo di revisione […]”.Qualche attento lettore ricorderà che a partire da metà 2016 ho iniziato a notare diverse anomalie nel bilancio ma secondo qualcuno ero un visionario.Oggi casualmente si è reso necessario dover nuovamente portare all’approvazione del Consiglio il rendiconto di gestione 2016 che era stato approvato in sede di Consiglio lo scorso aprile, in quanto non erano stati  riportati i seguenti movimenti:

  • –  accertamento di Euro 10.000,00 al cap. 197200
  • –  accertamento di Euro 130.000,00 al cap. 205500
  • –  impegno di Euro 366.000,00 al cap. 698900
  • –  impegno di Euro 40.919,19 al cap. 107100

La cifra di 366.000 euro riguarda interventi all’ex-ospedale così come i 130.000 euro sono un impegno della Fondazione Monte dei Paschi sempre inerente i lavori all’ex ospedale (un caso?)mentre le altre due voci riguardano l’aggiornamento di strumenti urbanistici oltre ad un finanziamento della provincia per la bonifica dell’ex-discarica. In questo modo il risultato di amministrazione passa da Euro 4.288.839,16 ad Euro 4.062.839,16 con una differenza non trascurabile di 226.000 euro in meno. Gli atti sono stati messi a disposizione dei consiglieri appena sei giorni prima del consiglio contro i venti obbligatori e necessari, nei quali sono stati compresi ben quattro giorni festivi in totale disprezzo delle normative e del buon senso,precludendoci di fatto la possibilità di fare gli opportuni controlli ed approfondimenti prima di esprimere il nostro voto e/o presentare eventuali emendamenti nei termini previsti. La cosa a mio avviso più inquietante, non è l’atteggiamento di Nocchi dal quale non potevo aspettarmi nulla di diverso, quanto quellodel Segretario Comunale, il quale secondo l’art. 97 del D.Lgs. 267/2000 svolge compiti di collaborazione e funzioni di assistenza giuridico-amministrativa nei confronti degli organi dell’ente in ordine alla conformità dell’azione amministrativa  alle leggi, allo Statuto e ai regolamenti. A nulla ad oggi sembra servito  chiedere a S.E. il Prefetto di Siena di ripristinare la legittimità regolamentare e statutaria del Consiglio Comunale ed aver intimato al Segretario di provvedere in merito nel rispetto delle norme vigenti ed in attuazione dei contenuti regolamentari e statutari del Comune di Sarteano al fine di consentire l’esercizio delle funzioni previste dalle norme ai Consiglieri di opposizione del Comune:pertanto ci vediamo costretti a far valere i nostri diritti in diversa opportuna sede.”.