Toscana: tagli al personale sanitario; Roberto Caroti (Forza Italia),” i tagli siano rivolti alle vere inefficienze che si annidano nella macchina burocratica regionale”

Da Roberto Caroti, responsabile di Forza Italia della Valdichiana, riceviamo e pubblichiamo

” Solo qualche giorno fa Andrea Rossi, Sindaco di Montepulciano e Presidente della società della Salute rassicurava tutti i cittadini della Valdichiana circa la struttura ospedaliera di Nottola affermando “…. la centralità di Nottola non è in discussione, non c’è la volontà di ridurre i servizi”: Forse Rossi non si era confrontato o non era stato informato dal suo omonimo che siede alla presidenza della Regione circa le grandi manovre, messe in atto a livello regionale , per tagliare ben 45 milioni di Euro sulle spese del personale delle aziende sanitarie.Per l’ennesima volta si scarica sui cittadini e sulla salute l’incompetenza di coloro che ci governano e che utilizzano la sanità per effettuare operazioni di maquillage sui bilanci regionali senza avere a cuore la salute dei propri concittadini, i quali, a fronte di un incremento delle spese da sostenere per curarsi, si ritrovano ad avere servizi scadenti e fortemente penalizzanti (basti considerare le liste di attesa chilometriche per visite, interventi ecc. o piuttosto le attese di ore ad un Pronto Soccorso che finisce così per essere per nulla “pronto” e tutto certamente non per colpa del personale bensì per le scarse risorse a loro disposizione).In una tale situazione i cittadini, sempre più spesso, sono costretti a rivolgersi ai servizi sanitari di regioni limitrofe. Diciamo basta ai proclami rasserenanti che, come al solito, servono solo a gettare polvere negli occhi dei cittadini ed a nascondere i giochi di potere organizzati nelle segrete stanze o nelle sedi di partito; E’ l’ora di farla finita con strette di bilancio che hanno il solo obiettivo di far apparire virtuosa la sanità toscana con scelte fatte sulla pelle dei malati e dei tanti medici e paramedici costretti ad operare in condizioni assurde, mentre si ignorano i veri sprechi in termini di stipendi e benefit ai dirigenti. La salute è un diritto primario, inalienabile, irrinunciabile e pertanto gridiamo con forza, sia al Governatore Rossi che all’omonimo Sindaco di Montepulciano nonché a tutti i suoi colleghi di zona, che la popolazione della Valdichiana senese e del sud della provincia di Siena reclama un ospedale funzionante e degno di questo nome, dove i malati possano trovare la giusta assistenza ed il personale possa esprimere tutte le grandi potenzialità professionali.Questa è la sanità che vogliamo , i tagli siano rivolti alle vere inefficienze che si annidano nella macchina burocratica regionale”.