Trequanda:mobilitato  il sindaco Machetti contro la chiusura dell’unico sportello bancario del borgo che è del MPS

Il sindaco di Trequanda, Roberto Machetti, si mobilita a difesa dell’unico sportello bancario del Comune. Ha inviato una lettera e ha chiesto un incontro ai vertici territoriali del Monte dei Paschi per scongiurare una eventuale chiusura e, quindi, salvaguardare un servizio essenziale per i cittadini. Tra l’altro, la filiale svolge anche la funzione di tesoreria per il Comune. «Questa è una serie questione di sopravvivenza di una comunità e di un’intera economia –   osserva Machetti – ; ci stiamo battendo da tempo per mantenere la scuola, i servizi sanitari e per supplire a eventuali difficoltà con i servizi associati dell’Unione dei Comuni della Val di Chiana, o con singoli accordi intercomunali. Sopratutto, c’è una questione di identità territoriale da difendere». La questione richiede un ragionamento non profondo, una visione strategica. «Non ci possiamo fermare ai numeri degli abitanti – continua il sindaco – ma dobbiamo fare un ragionamento ampio. Riguarda l’esistenza di un marchio territoriale, Trequanda, al quale si legano aziende importanti, attività economiche di rilievo. Ci sono richieste di investimenti, opportunità interessanti: si va dal possibile recupero del castello, alle necessaria gestione di strutture ricettiva, una quelle quali di proprietà comunali. È evidente che tante opportunità sono legate al mantenimento dei servizi. Per questo chiedo di fare scelte che tengano conto di prospettive future, non tanto delle difficoltà oggettive attuali, che riguardano tutti i piccoli comuni. Se un lato cerchiamo di valorizzare il territorio, le produzioni  e le tradizioni locali, dall’altro questo sforzo potrebbe rivelarsi inutile: sarebbe reso vano dal venir meno di punti di riferimento essenziali, a partire da una banca. Questa presenza va difesa a ogni costo».