A Sinalunga sabato 2 febbraio la manifestazione dell’Anpi , “L’Italia che resiste… Per l’accoglienza e l’integrazione”

Il prossimo sabato 2 febbraio, davanti al palazzo comunale di SInalunga, una manifestazione dell’Anpi a favore della cultura dell’accoglienza e dell’integrazione. Eventi concomitanti nelle piazze di tutta Italia.”Razzismo e xenofobia rappresentano ormai – ricorda una nota dell’Anpi- una dilagante epidemia della società italiana, crimini perseguiti dalla legge eppure troppo spesso pericolosamente tollerati quando addirittura non assecondati. L’Italia ha già conosciuto da vicino la vergogna di “leggi razziali” con cui il regime fascista apriva ‘legalmente’ alla persecuzione di uomini, donne e bambini. Il “Giorno della Memoria” recentemente celebrato ce lo ricorda. La Repubblica nata dalla Resistenza ha tra i suoi valori l’universalismo dei diritti, l’uguaglianza tra le persone, la lotta contro ogni discriminazione. La cronaca quotidiana purtroppo ci ricorda quasi ogni giorno che il Paese sta invece rischiosamente scivolando verso una deriva fatta di odio razziale, immotivate paure etniche, spregiudicate operazioni di propaganda sulla pelle di persone in gravi momenti di fragilità e debolezza. Per questo i circoli ANPI della Valdichiana hanno deciso di aderire alla convocazione nazionale “L’Italia che resiste”, organizzando un presidio in uno dei comuni della valle. Questo sabato, dunque, appuntamento dalle 15 alle 19 davanti al palazzo comunale di Sinalunga, per ribadire la propria contrarietà ad antistoriche e inumane politiche di odio e discriminazione, per difendere la natura solidale, i principi di accoglienza e inclusione della nostra Repubblica. “