Abbadia San Salvatore: la “Città delle fiaccole” si sta attrezzando. Ne verranno costruite 26. Si aspetta la neve che ancora non c’è. Si spera in un clima più rigido per innevare artificialmente le piste

di Massimo Cherubini

I primi grossi tronchi di pianta sono stati scaricati là dove verranno sistemati per costruire le alte cataste. Ad Abbadia San Salvatore, “Città delle Fiaccole”, da ieri si inizia ad avvertire il clima del grande periodo di festa, del Natale che vivrà proprio nel segno di una storica tradizione. Il via alle tante iniziative: dopo domani le prime fiaccole, ne verranno costruite ventisei, che arderanno nella notte della vigilia saranno approntate, prendono il via una serie di iniziative messe in campo dai commercianti; si accendono le luminarie disposte in tutto il paese. Per aprire in grande stile manca solo la neve. “Noi -dice Luca Ventresca assessore al turismo del comune di Abbadia San Salvatore- siamo pronti. Se non arriva la neve dal cielo speriamo che si presentino le giuste temperature per produrla artificialmente. Tutto -ripete- è pronto. Manca solo l’indispensabile contributo delle condizioni climatiche”. Si perché l’apertura della stagione invernale scatta proprio dall’otto dicembre. Per ora la neve si è vista, roba di poco conto. Purtroppo, invece, c’è stato il repentino cambio delle condizioni climatiche passando da temperature rigide a clima mite. E’ chiaro che se non si creano le condizioni per aprire almeno i campi scuola della vetta manca il grande richiamo turistico. Che, comunque, dà alcuni segnali interessanti.“Per Natale e l’ultimo dell’anno -afferma Luca Ventresca- le prime prenotazioni ci sono. E’ evidente che si tratta solo di segnali incoraggianti. E’ presto per fare previsioni, è presto per sapere se- come auspichiamo- avremo anche le piste innevate”.Non resta che attendere, con grande fiducia, le evoluzioni meteorologiche .Intanto, dopo il via alle iniziative che dureranno fino all’Epifania, si sta mettendo a punto il Gran gala che si tiene il prossimo 21 dicembre al Cinema Teatro Amiata- ingresso gratuito- con la partecipazione di cantanti e personaggi dello spettacolo. “Un momento per farci gli auguri -osserva l’assessore Ventresca- per premiare i cittadini distintisi nel corso dell’anno che sta per concludersi”. Poi il clou di tutte le iniziative: la notte delle Fiaccole con diversi quintali di legna che, sistemate a piramide- alcune alte fino a sette metri- daranno luce e calore in ben ventisei punti del paese. La migliore, che verrà scelta da una giuria tecnica e da un voto popolare, verrà premiata.