Abbadia San Salvatore: sindaco Fabrizio Tondi a Commissione Regione,“Geotermia si ma ad emissioni zero e con garanzie che porterà sviluppo economico di zona”

di Massimo Cherubini

“Geotermia si ma ad emissioni zero e con garanzie che porterà sviluppo economico di zona”. E’ questo, in estrema sintesi, la posizione che ieri Fabrizio Tondi, sindaco di Abbadia San Salvatore , ha esposto alla quarta commissione ambiente della Regione nel corso dell’audizione per giungere al varo della nuova legge regionale in materia geotermica.   Una posizione ufficiale del comune badengo visto che il contenuto è stato approvato dal consiglio comunale. Di zona tenuto conto che per il versante senese dell’Amiata ha pesato in quanto storicamente comune geotermico. L’assenza di un rappresentante di Piancastagnaio“Non ho ricevuto alcuna convocazione -dice il sindaco Luigi Vagaggini- ho appreso dai colleghi che erano presenti che la commissione ambiente accoglie anche i pareri inviati per scritto. E’ quello che mi appresto a fare anche se -sottolinea Luigi Vagaggini- la mia posizione, e quella del comune, in materia geotermica è nota a tutti”.Il punto “divergente” sta nelle centrali “flash”, quelle che, con le tecniche di oggi, hanno emissioni in area  assai limitate. Le nove centrali -a  Piancastagnaio dovrebbe essere realizzato il PC6-avranno un abbattimento del 98 per cento. E -nel caso di Piancastagnaio- ciò si estenderà anche alle centrali esistenti che attualmente hanno un abbattimento del novanta per cento. La posizione del confinante comune di Abbadia è diversa. Non solo la richiesta di centrali ad emissione zero- quelle a riciclo- ma  soprattutto, come accennato, la garanzia che gli insediamenti, i riconoscimenti economici che vengono dati ai comuni, no n siano finalizzati alla pur importante occupazione o ai servizi, altrettanto fondamentali, sociali ma siano orientati verso il trema dello sviluppo economico del comprensorio.  In altre parole la richiesta avanzata alla Commissione è quella che sia la Regione l’interlocutore della società energetica e non i singoli sindaci. Nel suo intervento -all’audizione erano presenti esponenti del mondo sindacale, di quello industriale, il sindaco di Radicondoli -altro comune geotermico della nostra provincia. Il sindaco di Abbadia San Salvatore ha richiamato anche alcuni vincoli, stabiliti nel protocollo d’intesa sottoscritto nel 2006, che sono “scomparsi” dalla bozza di legge regionale,Ma sul tema pesa la bozza di disegno di legge che attribuisce incentivi per la coltivazione di energie rinnovabili. La geotermia è esclusa.