Amiata: previsti finanziamenti dalla Regione ai progetti degli operatori degli impianti sciistici da un minimo di 10 mila a massimo di 200 mila euro

Di Massimo Cherubini

Sul “piatto” del sistema neve toscano la Regione Toscana mette un milione. Tanti i finanziamenti a disposizione di progetti presentati dalle società che gestiscono gli impianti di risalita, le piste da sci. Una opportunità anche per gli operatori dell’Amiata che, presentando progetti di adeguamento, potenziamento, messa in sicurezza e manutenzione di funivie e relative strutture, potranno ottenere importanti finanziamenti. Un mese di tempo per le domande che, come detto, interessano anche le altre stazioni sciistiche della nostra regione.”Gli aiuti -afferma in una nota l’assessore regionale alle attività produttive e al turismo della Regione Stefano Ciuoffo – vengono concessi, nella forma di contributo in conto esercizio, fino ad un massimo dell’80% della spesa ritenuta ammissibile. Il costo totale del progetto presentato deve essere compreso tra un importo minimo di diecimila ed un massimo di duecentomila euro. Spese ed interventi finanziabili comprendono costi del personale, dei materiali, dei servizi appaltati, delle comunicazioni, dell’energia, della manutenzione, di affitto e di amministrazione”.Una opportunità importante per fronteggiare le perdite di esercizio che vengono sostenute dagli operatori per garantire l’innevamento delle piste con l’ausilio dei tradizionali cannoni. Ci sono costi che devono essere sostenuti per fronteggiare la carenza di neve che cade dal cielo. E proprio grazie all’innevamento artificiale l’Amiata sta andando portando avanti una stagione che, specialmente nei fine settimana, sta dando dei buoni risultati.