Arezzo:  23mila 500 euro di finanziamento dal Mibact al progetto di sviluppo del percorso espositivo “I colori della Giostra”

Mentre sono in corso i lavori di implementazione al percorso espositivo “I Colori della Giostra” che riaprirà nelle prossime settimane con una veste completamente nuova, il progetto che trasformerà la struttura posta a piano terra di Palazzo Comunale in un museo immersivo, moderno e interattivo, ha ricevuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali un finanziamento di 23.500 euro. La Direzione Generale Spettacolo del Mibact ha infatti istituito nel 2017 il Fondo Nazionale per la Rievocazione Storica al quale l’amministrazione comunale di Arezzo – Ufficio Politiche Culturali e Turistiche – ha partecipato aderendo al bando proprio con il progetto di sviluppo del percorso espositivo che prevede l’installazione di monitor touch screen con informazioni a tutto tondo sulla Giostra, proiezioni tridimensionali, un’esperienza immersiva a 360 gradi che permetterà ad ogni visitatore di calarsi nell’atmosfera di Piazza Grande il giorno della Giostra e tante altre sorprese. Fra i  177 progetti presentati da tutta Italia ed esaminati dalla commissione istituita allo scopo, il Comune di Arezzo  è risultato fra i primi settanta beneficiari del finanziamento per una cifra di 23.500 euro. “Una notizia che mi riempie di soddisfazione – commenta il vicesindaco e assessore alla Giostra del Saracino Gianfrancesco Gamurrini – un riconoscimento importante, da parte del Ministero, del valore del progetto di sviluppo presentato. Un progetto, “I Colori della Giostra”, a cui tengo particolarmente, fin dalla sua nascita nel 2016 con l’esposizione dei tredici costumi storici di Novarese, che ha raccolto fin da subito grande apprezzamento da parte dei visitatori e che sono certo, dopo la riapertura, non potrà che essere ancor più attrattivo. Doveroso un ringraziamento all’Ufficio Giostra per il lavoro che sta portando avanti e che ha permesso di ricevere il finanziamento del Fondo Nazionale per la Rievocazione Storica ed essere giudicato tra i progetti più meritevoli d’Italia”.