Arezzo: ecografo e monitor, i “Nasi Rossi” a sostegno dell’Oncologia. Oltre a garantire la propria presenza in reparto per alleggerire l’attesa dei pazienti, l’associazione ha donato due strumenti

Un ecografo e un monitor sono stati donati dalla “Tribù dei Nasi Rossi” all’Oncologia del San Donato per un investimento di circa 15 mila euro. Si tratta di un ecografo di ultima generazione, utilizzabile con sonda vascolare e sonda convessa. Viene usato prevalentemente del personale infermieristico per il reperimento delle vene profonde, la valutazione del patrimonio venoso profondo e l’impianto di accessi vascolari.“Ringrazio di cuore i Nasi Rossi a nome mio, di tutto il reparto e anche del Direttore del Dipartimento Enrico Tucci per questa importante donazione – ha commentato Simonetta Magnanini, direttore della Oncologia di Arezzo – Ma non solo: la Tribù dei Nasi Rossi è presente tutti i mercoledì qui da noi, per affiancare con il sorriso coloro che sono in sala d’attesa e durante le terapie. La loro attività, che ha l’obiettivo di alleggerire la permanenza dei pazienti in reparto, è fondamentale e li ringraziamo”.  “La Tribù dei Nasi Rossi è nata nel 2000 e dal 2006 siamo presenti in Oncologia – ha dichiarato la presidente Erika Cardeti – Grazie alle donazioni libere di privati e al 5×1000 siamo riusciti a raccogliere la cifra necessaria per acquistare monitor ed ecografo. Sapevamo che al reparto avrebbero fatto molto comodo, quindi non ci abbiamo pensato due volte. I nostri volontari, che ogni settimana sono attivi anche in Pediatria, frequentano un corso di 100 ore sull’approccio al paziente, le tecniche di clownerie e per sviluppare la necessaria empatia, l’ascolto e la comunicazione. Siamo una cinquantina, tutti attivi e felici di poter portare il sorriso a grandi e piccoli nei momenti di difficoltà. Stamani qui con noi ci sono Caterina Mariucci, alias dottoressa Accipicchia; Marcello Rossi, alias Olindo e Tiziana Carnesciali, alias dottoressa Tittibobo”.