Asciano: interrogazione consigliere regionale Casucci (Lega),“l’impianto di compostaggio di Pian delle Cortine è in regola con le autorizzazioni?”

Con un’interrogazione chiedo alla Giunta regionale se l’attività presso l’impianto di compostaggio di Pian delle Cortine ad Asciano, nel senese, sia in regola con le autorizzazioni previste e se corrisponde a verità che il terreno, dove si trova il sito, sia stato venduto alla provincia di Siena da parte del comune di Asciano. Questi tipi d’impianto necessitano della Valutazione di Impatto Ambientale che, in zone d’interesse comunitario e d’interesse regionale, come è quella di Pian delle Cortine, viene concessa in base a delle distanze che, in quella zona, sembrerebbero mancare. Tale impianto di recupero opererebbe con l’Autorizzazione Integrata Ambientale, un tipo di provvedimento che autorizza l’esercizio di un impianto o di parte di esso in cui sono svolte alcune categorie di attività industriali che hanno significativi impatti sull’ambiente. Si deve precisare che la normativa di riferimento regolamenta solo gli impianti di smaltimento e non quelli di recupero. Tale autorizzazione sarebbe nulla ed inoltre nell’autorizzazione è stabilito che l’impianto deve lavorare 24mila tonnellate all’anno ma, a causa del cattivo odore che deriverebbe dal sovraccarico, sembra che ne lavori molte di più“; è quanto ha affermato nell‘interrogazione il Consigliere regionale Marco Casucci (Lega) ricordando che „quello di “Pian delle Cortine” è un impianto di selezione dei rifiuti urbani, di compostaggio della frazione organica proveniente dalle raccolte differenziate e di valorizzazione di rifiuti cellulosici e multi materiale provenienti dalla raccolta differenziata per il loro invio a riciclo. L’impianto è in carico a SEI Toscana, gestore del servizio integrato dei rifiuti urbani nelle province dell’Ato Toscana Sud (Arezzo, Grosseto e Siena). A Pian delle Cortine viene prodotto il compost “Terra di Siena”, un fertilizzante che migliora le caratteristiche fisiche del suolo e che viene utilizzato sia in agricoltura convenzionale che biologica” .