Asciano: la prima riunione delle associazioni che fanno parte dell’”Alleanza Mobilità dolce” ha sollecitato il nuovo governo “a iniziare il discorso finalizzato alla realizzazione del piano generale della mobilità turistica”

Importante incontro ad ASCIANO per la ‘Mobilità dolce’ al quale ha partecipato anche l’associazione Italiana cultura e sport, nelle persone di Andrea Nesi ,responsabile nazionale della Commissione AICS Ambiente e Raimondo Chiricozzi componente della stessa commissione . La portavoce dell’Alleanza mobilità dolce “A.MO.DO”, dopo il primo anno, ha voluto riunire tutti i dirigenti delle associazioni, che hanno partecipato alla costituzione e i dirigenti delle nuove associazioni che ne sono entrate a far parte, per valutare insieme la validità delle iniziative poste in essere per favorire la crescita della cultura della mobilità dolce. Il Sindaco di Asciano, signor Paolo Bonori, si è detto contento di ospitare la riunione della Alleanza, anche perché crede nella mobilità dolce,  divenuto l’impegno costante del suo paese e dei cittadini, convinti che questa sia un vero volano per lo sviluppo economico. La realizzazione di piste ciclabili sulla via Lauretana è un progetto che interessa sette comuni del territorio, il sentiero che si diparte dalla stazione ferroviaria di Asciano che attraversa le collinette delle crete senesi e la creazione del Life Park , il treno storico a vapore “ Treno Natura”,  sono alcune tra le più importanti realizzazioni che fanno di questo territorio una meta turistica.La portavoce di A.Mo.Do. ,Senatrice Anna Donato, nella sua relazione ha voluto complimentarsi con i sindaci del territorio e con il sindaco di Asciano per l’impegno che hanno posto per la mobilità dolce. Ha quindi parlato delle iniziative poste in essere nell’anno trascorso, che hanno fatto conoscere ed apprezzare l’associazione che è cresciuta in termini numerici;   27 associazioni ne fanno ora parte.  “Il lavoro svolto è stato tanto, soprattutto – ha detto – per far crescere la sensibilità del potere politico sulla mobilità dolce, che anche in Italia sta prendendo sempre più corpo”.Tra le leggi e indirizzi approvati in favore di questa negli ultimi anni: il piano strategico del territorio, la legge 158/2017 per i piccoli comuni, il piano della mobilità turistica, la legge 128/2017 per le ferrovie turistiche, la legge 2/2018 per la mobilità ciclistica e per le ciclovie.  “C’è ancora molto da fare – ha detto la portavoce di A.Mo.Do. – ;in particolare occorre che venga realizzato un piano strategico integrato per la mobilità. Crediamo necessario sollecitare il nuovo governo affinché venga iniziato il discorso finalizzato alla realizzazione del piano generale della mobilità turistica. Per la legge sulle ferrovie turistiche 128/2017 ,ha ricordato Anna Donati, occorre vengano emessi i decreti attuativi, diversamente c’è il rischio di tornare indietro.  Va fatto un piano di gradualità e all’elenco delle 18 ferrovie allegato alla legge dovranno essere aggiunte altre ferrovie dismesse o sospese. Anna Donati si è poi soffermata sulle iniziative fatte quali: La Primavera della Mobilità dolce con ben 150 eventi, la giornata delle ferrovie delle meraviglie ecc .Anna Donati ha quindi detto di essere” soddisfatta dell’impegno posto dalle associazioni per la realizzazione delle manifestazioni. Il territorio è vivo ed ha bisogno di riferimenti lo abbiamo constatato con la maratona ferroviaria che abbiamo fatto in questo anno e i 15 convegni per i progetti in rete e la integrazione delle modalità di trasporto. La convenzione- ha concluso la portavoce della Alleanza- che verrà sottoscritta dai rappresentanti delle associazioni e il Manifesto della Alleanza per la Mobilità Dolce auspicano appunto la integrazione della mobilità ferroviaria, ciclistica, sentieristica. Tutto è finalizzato alla crescita di sviluppo economico nei territori che hanno grandissime potenzialità”. Molti gli interventi dopo la relazione della portavoce della alleanza mobilità dolce. Tutti rivolti alla integrazione dei progetti fra comuni. Fra i più rilevanti quello di Massimo Tedeschi Presidente della associazione europea delle vie Francigene, di Tullio Berlenghi capo segreteria tecnica del MATTM, di Stefano Maggi Presidente Fondazione Pozzo, di Massimo Roncucci presidente ASSTRA. Particolare importanza è stata data da quasi tutti alla battaglia culturale da compiere per far divenire la mobilità dolce la mobilità quotidiana. L’assessore Elisa Bardelli  in conclusione della riunione  ha illustrato il progetto che il Comune di Asciano ed altri 7 Comuni del territorio stanno portando avanti con determinazione per la Via Lauretana. La riunione è  terminata con la firma della convenzione da parte dei dirigenti le associazioni, per l’AICS la firma è stata apposta da Andrea Nesi responsabile AICS Ambiente. Quindi è stato approvato il  manifesto della Alleanza per la mobilità dolce e confermata la senatrice Anna Donati  quale portavoce della Alleanza all’unanimità.