Castelnuovo: nuove misure per Imu e Cosap a sostegno del territorio

 Il Comune di Castelnuovo Berardenga rafforza il sostegno al tessuto sociale ed economico locale e guarda ai prossimi mesi con nuove prospettive. Nel corso del consiglio comunale che si è svolto ieri, giovedì 30 luglio, sono state approvate ulteriori misure straordinarie per Imu e Cosap, in risposta all’emergenza Covid-19, e la variazione di assestamento generale di bilancio con verifica della salvaguardia degli equilibri di bilancio per il bilancio di previsione 2020-2022. La seduta, inoltre, ha dato il via libera alla convenzione fino al 2024 con il Comune di Monteriggioni per la gestione condivisa dei servizi di trasporto e mensa scolastica dei plessi di Quercegrossa (scuola dell’infanzia “Pinocchio” e scuola primaria “I. Calvino”) e ha approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato dal presidente del consiglio comunale, Filippo Giannettoni, sulla necessità di approfondire in maniera organica e puntuale la nuova tecnologia 5G e la sua sperimentazione sul territorio comunale.

 

Misure Imu e Cosap. Le misure varate dalla giunta e approvate in consiglio comunale prevedono un abbattimento del 50 per cento dell’aliquota Imu per chi applica il canone concordato; un’ulteriore agevolazione per chi riduce di almeno il 15 per cento il canone concordato già applicato e riduzioni per tutti i proprietari che decidono di mutare il canone da libero mercato a concordato. Sul fronte della Cosap, il Comune proroga la sospensione del pagamento dal 1° aprile al 31 dicembre 2020, estendendo la misura prevista dal Governo dal 1° maggio al 1° ottobre 2020. “L’amministrazione comunale – afferma il sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi – sta mettendo in campo tutte le misure possibili per sostenere il tessuto economico e sociale locale almeno fino alla fine del 2020, con possibili proroghe per il 2021 se le disposizioni nazionali lo consentiranno. Accanto alle misure Imu e Cosap, stiamo lavorando anche sul fronte della Tari per definire le possibili agevolazioni”.

 

L’assestamento generale e gli equilibri di bilancio. “Nonostante le difficoltà del periodo – aggiunge Nepi – il Comune di Castelnuovo Berardenga conta su un bilancio in equilibrio grazie agli stanziamenti ricevuti dal Governo e a una revisione delle risorse che permette di garantire gli equilibri di bilancio e di guardare al futuro con fiducia e nuove prospettive. Uno dei primi interventi sarà la manutenzione straordinaria del ponte sul torrente Scheggiolla, attualmente aperto al traffico a senso unico alternato, grazie alla variazione di circa 50 mila euro approvata in consiglio comunale”.

 

L’ordine del giorno sul 5G presentato dal presidente del consiglio comunale, Filippo Giannettoni, e approvato all’unanimità impegna l’amministrazione di Castelnuovo Berardenga a manifestare alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Parlamento le preoccupazioni della comunità locale sul percorso avviato, in ambito nazionale, relativamente alla sperimentazione della nuova tecnologia “5G” in assenza, alla data odierna, di valutazioni scientifiche tali da confermare o escludere una maggiore e negativa incidenza sulla salute pubblica del cosiddetto “5G” rispetto alle tecnologie attualmente in uso. Il documento si riferisce, in particolare, al territorio castelnovino che, vista la vasta estensione territoriale e la bassa densità abitativa, non appare significativo ai fini della sperimentazione della nuova tecnologia. “L’ordine del giorno – afferma il presidente del consiglio comunale, Filippo Giannettoni – vuole essere un punto di partenza per poter approfondire collegialmente questa tematica, delicata quanto rilevante. I contributi portati all’attenzione del consiglio comunale da parte dei tre gruppi consiliari, che ringrazio per la collaborazione, manifestano la necessità di conoscere e monitorare la sperimentazione della nuova tecnologia prima della sua diffusione. L’attività del nostro Comune, pertanto, si svilupperà a partire da un attento esame della normativa vigente in materia per comprendere in maniera puntuale i procedimenti amministrativi che l’ente sarà chiamato a seguire e l’intero percorso vedrà il coinvolgimento attivo dei tre gruppi consiliari”.