Chianciano: Bettollini (Sezione Valdichiana Senese Partito Comunista)  denuncia  mancanza di riscaldamento presso il distretto sanitario della cittadina termale

Da Nicola Bettollini ,responsabile Ufficio Stampa Partito Comunista Toscana, riceviamo e pubblichiamo

“Ci chiediamo come Sezione Valdichiana Senese del Partito Comunista, come sia possibile non avere il riscaldamento presso i locali dell’ex ospedale di Chianciano Terme, facente parte del sistema sanitario, non più nazionale ma regionale, purtroppo. I caloriferi funzionano per il 10%, addirittura nella stanza delle medicazioni, i dipendenti sono stati costretti a portare una stufetta elettrica, visto che il calorifero non funziona affatto. Abbiamo sollecitato il Sindaco di Chianciano, Andrea Marchetti: dopo il suo intervento con la AUSL, gli elementi funzionanti, per ogni calorifero, sono passati da due a tre…..Abbiamo sollecitato anche noi la AUSL e ci hanno risposto che la manutenzione è affidata ad una ditta esterna che non ne vuole sapere di effettuare interventi capillari per un corretto funzionamento dell’impianto di riscaldamento. Possiamo aggiungere che per loro conviene intervenire più volte che risolvere definitivamente il problema….Quando la manutenzione era affidata direttamente ai manutentori della USL, non vi erano mai problemi, costava molto meno e si dava lavoro pubblico e garantito. Aver trasformato le USL in aziende Usl ha comportato la logica del profitto sulla pelle dei cittadini, garantendo tagli alla spesa sanitaria cospicui e certamente continui, garantendo profitti milionari alle aziende private alla quali vengono appaltati i servizi, garantendo finanziamenti alle aziende sanitarie private, garantendo precarietà ai lavoratori che lavorano nelle aziende in appalto. Dobbiamo ringraziare il Pd,il centrodestra e la sinistra ‘rosata’ per questo scempio! Vogliamo una sanità totalmente pubblica che abbia più ospedali, una sanità di prossimità funzionante, più medici, più infermieri, più macchinari sanitari, non vogliamo più i privati nel sistema sanitario nè all’esterno, rivogliamo le unità sanitarie locali e non le aziende Usl.La sanità non può essere merce di profitto ma è un diritto da Bolzano a Pantelleria, non devono esistere cittadini di serie A e serie B. Il Partito Comunista farà tutto quello che in suo possesso per far riattivare il riscaldamento nell’ex ospedale di Chianciano. Siamo disponibili a recepire le lamentele ed i disservizi dei cittadini, in riferimento al sistema sanitario della nostra regione”.