Chianciano : in occasione del centenario dalla nascita di Federico Fellini, la cittadina termale gli dedica un’estate ricca di eventi  tra cui  anche il Fe stival “Corto Fiction”, il prossimo 21 e 22 agosto. Il Festival di cortometraggi ideato da Lauro Crociani quest’anno celebra il suo ventennale

Di Giulia Benocci

 

In occasione del centenario dalla nascita di Federico Fellini, lo straordinario regista della ‘Dolce Vita’, il quale ambientò uno dei suoi grandi capolavori, il successo cinematografico “8 e ½” nel cittadina termale di Chianciano, all’interno del Parco Acqua Santa, la città per ricordarlo gli dedica un’intera estate di eventi.  Tra le varie manifestazioni quest’anno ricorre anche il ventennale di “Corto Fiction” un Festival di cortometraggi, il prossimo 21 e 22 agosto, ideato da Lauro Crociani, fondatore dell’associazione “Immagine e suono” nel 2000. Durante lo svolgimento del Festival sarà proiettato in anteprima assoluta “Fellini alle Terme di Chianciano e dintorni”, un’opera di Crociani, candidata per essere proiettata al Forum Fedic di Venezia durante il Festival del Cinema. “Io sono l’ideatore del Festival; nel 2000 è nato ‘Corto Fiction’. Per me l’audiovisivo è diventato un mezzo di espressione molto importante, per girare i cortometraggi ci dedico molto tempo e lavoro tutto l’anno – ha commentato Crociani – . Il nostro slogan è ‘il bello, il giusto e l’utile del cortometraggio’. Ho ripreso questo pensiero da un filosofo che seguo dal 1991, Omraan Mikhael Aivanhov, un bulgaro espatriato a Parigi; quindi c’è tutta una filosofia dietro a ciò che faccio, ovvero stare bene e far star bene gli altri in armonia”.  Il Festival di Chianciano si svolgerà nella Sala Fellini all’interno del Parco Acqua, nel cui parco dal prossimo 31 luglio sarà allestita anche una mostra fotografica sul grande regista, ottima cornice per immergersi totalmente nel mondo felliniano.Per partecipare al Festival sono giunti 204 ‘corti’ provenienti da tutta Italia, alcuni di questi dall’estero; i cortometraggi sono di autori non indipendenti, fatti da professionisti con case cinematografiche alle spalle che li producono. Una giuria di esperti composta da 12 elementi visiona tutto il materiale e proclama i vincitori in base al tema sociale, comico, libero e spirituale. Il venerdì  21 agosto il Festival apre con una piccola ‘vetrina’ di cortometraggi selezionati. Mentre la sera seguirà la proiezione e premiazione ufficiale, anche se i vincitori sono stati già decisi: il Premio come Miglior attore vincitore del Premio Fellini 2020 è stato vinto da Amedeo Andreozzi, un attore già abbastanza conosciuto nelle produzioni televisive, “in lui vediamo il nuovo Mastroianni” ,ha affermato Crociani.Il Premio  Miglior Soggetto è stato assegnato a Pierfrancesco e Angelo Borruto con “A livella de criature”; il Premio Fedic a Simone Tessa con “Quando in amore”; il Premio per il tema comico è stato aggiudicato a Simone Delù con “La consegna”; mentre il Premio spirituale è stato attribuito a Mario Sposito “L’ora delle nuvole” ed infine il Premio della Critica è stato dato a Maurizio Ravallease Roma con il suo corto “Il vestito”.Il sabato pomeriggio gran finale con la proiezione e l’assegnazione del Premio del Pubblico votante al Miglior Cortometraggio tra i cinque proposti.Il tutto si svolgerà secondo le norme previste dall’ultimo DPCM in materia, infatti i posti sono stati dimezzati del 50% per rispettare le normative, dal 120 posti a sedere, quest’anno saranno predisposti solamente 70.