Chiusi: Coronavirus; Associazione “Chiusinvetrina”, “non è vero che siamo diventati una ‘zona rossa’;i negozi sono tutti aperti al servizio dei cittadini”

Dall’Associazione “Chiusinvetrina” riceviamo e pubblichiamo

“Purtroppo a Chiusi abbiamo circa 10 casi di coronavirus e questo ha fatto si che il paese diventasse deserto, i nostri amici dei paesi vicini hanno paura a venire come di consueto a fare gli acquisti nei nostri negozi, girano voci che siamo diventati una zona rossa e che tutte le attività sono chiuse. Non è vero! i negozi sono tutti aperti al servizio dei cittadini. Abbiamo creato un’immagine,  TUTTO ANDRA’ BENE! che stiamo facendo girare sui social e con manifesti, per cercare di dare un pò di coraggio e forza a superare questo periodo. Inoltre questa notte abbiamo tappezzato con dei post -it scritti a mano con frasi di speranza Chiusi Scalo.”. In effetti Chiusi Scalo questa mattina si è svegliata tappezzata con tanti bigliettini colorati, rigorosamente scritti a mano, che riportano frasi di incoraggiamento e speranza rivolte a chi sta male, a chi è costretto in quarantena e a chi come le attività commerciali, bar e ristoranti che in questo momento di crisi per il coronavirus, stanno vivendo un alcune difficoltà. Come ha detto il sindaco Juri Bettollini ,”Chiusi deve aiutare Chiusi”, il messaggio fondamentale è che il virus purtroppo a Chiusi c’è e ha contagiato circa 10 persone ed altre in quarantena, ma”tutte le altre devono comunque cercare di vivere nella normalità –  sottolinea  l’associazione -pur rispettando ovviamente tutte le regole igienico sanitarie per contrastare la diffusione del virus: lavarsi frequentemente le mani, stare con le persone ad una distanza di un metro, mettere a disposizione ai clienti i disinfettanti ecc. Le attività del Centro Commerciale Naturale Chiusinvetrina, negozi, bar e ristoranti di Chiusi Scalo sono regolarmente aperte a disposizione dei cittadini per offrire la professionalità ed il servizio di sempre. Anche in questa occasione si sono dimostrati uniti per diffondere un messaggio importante “TUTTO ANDRA’ BENE!” e la speranza che tra poche settimane diventi tutto un brutto ricordo.”