Chiusi: l’esposto querela del sindaco Juri Bettollini  contro un gruppo di ragazzi che in Piazza XXVI Giugno allo Scalo effettuavano questa estate  molestie, atti intimidatori verso i passanti, spaccio e uso di stupefacenti  qualche risultato positivo lo ha prodotto .Infatti alcuni di questi ragazzi sono andati dal sindaco e hanno dato alcune informazioni che poi sono state trasferite alle Forze dell’Ordine

L’esposto querela del sindaco di Chiusi Juri Bettollini  contro un gruppo di ragazzi che in Piazza XXVI Giugno allo Scalo, dove è stata inaugurato il nuovo parcheggio (foto) effettuavano questa estate  molestie, atti intimidatori verso i passanti, spaccio e uso di stupefacenti  qualche risultato positivo lo ha prodotto . Infatti alcuni di questi ragazzi sono andati dal sindaco e hanno dato alcune informazioni che poi sono state trasferite alle Forze dell’ordine. Nelle settimane scorse il sindaco infatti annunciò querela e anche la Daspo nei confronti di alcuni ragazzi  facendosi carico delle preoccupazioni e delle numerose segnalazioni di tanti concittadini che gli erano arrivate. Nella querela invitò  le  Autorità Civili e Militari ” a contribuire per  porre fine a questa situazione, con la richiesta di individuare ed identificare il gruppo in flagranza adottando ogni comportamento ritenuto necessario con spirito determinato e sinergico tra tutte le forze di Polizia.Ho dato disponibilità non solo dell’uso del nostro impianto di video sorveglianza, ma ho concesso anche la disponibilità del corpo di polizia municipale a supporto delle operazioni e la mia personale garanzia a sottoscrivere, qualora se ne ravvisassero le condizioni, il  Daspo Urbano, ovvero- disse il primo cittadino – il potere riconosciuto al Sindaco, una volta individuato il trasgressore, di multare e stabilire il divieto di accesso ad alcune aree della Città per chí ponga in essere condotte che limitano la libera accessibilità e fruizione di infrastrutture pubbliche.Chiedo solo una gentilezza a tutti i cittadini: per la questione specifica, i vari post su fb che ogni tanto vedo scorrere, lasciano il tempo che trovano; adesso c’é una formale denuncia e quindi – ha aggiunto – non abbiate paura di segnalare ogni comportamento sbagliato alle forze dell’ordine. Esse sono tutte informate e con questa mia denuncia, le vostre segnalazioni aiuteranno a risolvere velocemente il problema”. Oggi il sindaco ha precisato che alcuni di questi ragazzi , tutti 16 enni,sono andati da lui dicendogli di far parte di quel gruppo di giovani ma di non aver mai fatto nulla di male e comunque fornendo alcune informazioni che Bettollini ha poi trasmesso alle forze dell’ordine. “E’ un primo risultato- ha commentato il primo cittadino- e ora sembra che  quel gruppo si sia dissolto anche perché è cominciata la scuola”.