Chiusi: sindaco Bettollini, “nell’area ex centro carni  acquistata da Acea non ci sarà alcun carbonizzatore ma una raffineria di fanghi per trasformarli . Inoltre Acea investirà fino a 6 mln di euro per ammodernare l’impianto di depurazione esistente e che ha acquistato”

Di Leonardo Mattioli

Ha preso spunto da una interrogazione presentata dal M5S sulla destinazione dell’area ex centro carni di Chiusi acquistata da Acea Ambiente per chiarire una volta per tutte che il progetto ricevuto dalla società  il 6 novembre scorso non prevede la realizzazione di alcun carbonizzatore ma una raffineria di fanghi per trasformare il prodotto. A dirlo il sindaco di Chiusi Juri Bettollini nel consiglio comunale svoltosi ieri sera per rispondere  all’interrogazione sulla destinazione dell’area  e sulla sicurezza ambientale presentata dai consiglieri Bruna Cippitelli e Bonella Martinozzi che, alla fine dopo aver avuto ulteriori chiarimenti, si sono dichiarate soddisfatte. Il primo cittadino ha così precisato , allontanando ogni dubbio, che nell’area non verrà costruito alcun carbonizzatore come si era adombrato nei mesi scorsi da parte di alcuni organi di stampa e da parte di alcuni esponenti di partiti o movimenti che chiedevano “lumi” in proposito alla luce di possibili  conseguenze negative sull’ambiente e sulla salute dei cittadini che erano state paventate. “L’impianto che realizzerà l’Acea Ambiente – ha sottolineato Bettollini –  punta al miglioramento ambientale. Infatti il 6 novembre scorso ci è arrivato il progetto della società che punta all’obiettivo  di bonificare l’area mettendola in sicurezza da quel punto di vista. Il rispetto della salute dei cittadini – ha aggiunto il sindaco – è in cima ai nostri pensieri ; non a caso il progetto di Acea prevede la demolizione dell’attuale depuratore  esistente che è stato appena acquistato dalla società proprio per ammodernarlo e renderlo sicuro. Per questa operazione sono previsti  da parte di Acea  investimenti fino a 6 milioni di euro. Sono molto soddisfatto perché un ente a maggioranza pubblica investe sul nostro territorio per ammodernare con nuova tecnologia un impianto esistente per migliorare l’ambiente”.