Cinigiano:  iniziati i lavori di miglioramento sismico della scuola materna di Sasso d’Ombrone

“Consegneremo agli abitanti di Sasso d’Ombrone una scuola nuova, più bella e sicura”. Con queste parole il sindaco di Cinigiano, Romina Sani, annuncia ai cittadini l’inizio dei lavori alla scuola materna di Sasso d’Ombrone. Si tratta di un complesso intervento di miglioramento sismico che consentirà di aumentare i livelli di sicurezza dell’edificio. La struttura sarà inoltre oggetto di un profondo restyling, che interesserà soprattutto gli spazi interni, per renderli più accoglienti e funzionali all’attività didattica. L’investimento complessivo previsto è di 222mila euro. I lavori sono iniziati la settimana scorsa e la fine è programmata per l’estate, in modo da garantire a inizio del nuovo anno scolastico la piena fruibilità dell’edificio oggetto di riqualificazione.“Intervenire sulla sicurezza degli edifici scolastici è la priorità assoluta – commenta il sindaco Romina Sani – ma nel progetto abbiamo curato anche l’estetica e la funzionalità degli spazi”.
Dal 18 febbraio scorso, giorno dell’apertura del cantiere, i bambini che frequentano la materna sono stati trasferiti temporaneamente, per le lezioni quotidiane, nell’edificio comunale di via Trieste. “Quella che ospiterà fino a giugno i piccoli è una bella struttura, tra l’altro nuovissima – spiega il sindaco Romina Sani – che avevamo adibito a centro sociale rurale. È stata adeguata al meglio per renderla accogliente e funzionale alle attività didattiche della scuola materna, in modo da garantire a tutti i bambini il massimo comfort. Ringrazio l’ufficio tecnico comune di Cinigiano-Civitella Paganico, per aver messo a disposizione questi locali in tempi ragionevoli, e per averlo fatto nel modo migliore. Ringrazio le insegnanti che si sono adoperate insieme al collaboratore scolastico a rendere gli spazi ben organizzati per le attività e l’accoglienza dei piccoli e ringrazio la dirigente scolastica Cinzia Machetti che è sempre stata al fianco del Comune perorando la stessa causa della ‘Buona scuola’, intesa prima di tutto come una scuola sicura e di qualità per tutti.”