Cortona: il sistema Maec punta sul mondo dei social media marketing e dell’influencer marketing per aumentare l’attrattiva turistica

Puntare sul mondo dei social media marketing e dell’influencer marketing per aumentare l’attrattiva turistica di Cortona e delle sue proposte culturali. E’ la sfida lanciata dal sistema MAEC nel 2019 che sta dando già ottimi risultati. Dopo una prima corposa fase di lavoro per aumentare quella che in gergo tecnico si chiama “awareness” ovvero la consapevolezza e la notorietà di un luogo e di un marchio si parte con progetti esperienziali in loco. Questo fine settimana sono in arrivo in città circa 20 “Instagram Influencer” posizionati in diverse nicchie: dal mondo del travel, a quello della street photography, del marketing museale e del food blogger. Provengono un po’ da tutta Italia, in particolare da Milano, Roma, Firenze, Pisa e dalla vicina Umbria. Gli influencer hanno scelto di essere coinvolti nella visita al museo MAEC durante la notte dei musei del 18 maggio. Domenica 19 maggio invece visiteranno il MAEC a porte chiuse e in esclusiva per produrre contenuti di digital storytelling che saranno lanciati in rete, approfittando anche delle esposizioni in programma fino al 2 giugno “ 1738 La scoperta di Ercolano. Marcello Venuti: Politica e cultura fra Cortona e Napoli” e “Il Bambin Gesù delle Manidel Pinturicchio.Non mancheranno di visitare la città e assaggiare le tipicità enogastronomiche che sono ambasciatrici del nostro buon vivere. Tra i partner dell’evento ci sono il Monastero di Cortona e l’Hotel San Michele, il ristorante Nessun Dorma e BeerBone Burger.Il progetto prevede anche un secondo appuntamento in programma il 7 e 8 luglio, nell’occasione dell’evento di arte contemporanea performativa dei Kinkaleri che fa parte del calendario “100 ore di eventi al MAEC”.