Da Assisi nel mondo sulle punte.Angelica Gismondo tra i protagonisti di “La vie en rose… Bolero” che debutterà  al Teatro Lyrick

È nata per la danza Angelica Gismondo, la splendida danzatrice del Balletto di Milano che sarà tra i protagonisti di “La vie en rose… Boléro” con cui la nota compagnia debutta al Teatro Lyrick di Assisi domani (5 dicembre) alle ore 21.15.  Nata ad Assisi dove muove i primi passi nel mondo della danza e dove ben presto i suoi insegnanti si accorgono delle sue doti straordinarie, Angelica a soli quindici anni lascia la famiglia perchè ammessa all’Académie de danse Princesse Grace di Montecarlo dove si diplomerà nel 2010. Poi il perfezionamento alla prestigiosa Ecole Nationale Supérieure de Danse di Cannes e subito dopo l’ingaggio al Balletto di Milano dove a ventidue anni debutta come prima ballerina in “Bolero”. Il corpo sinuoso dalle perfette linee ineguagliabili, la bellezza esotica e una rara sensibiltà ne fanno una delle danzatrici di punta della Compagnia. Dopo “Bolero” arriva “Carmen”, poi “Shéhérazade”, fino alla superba interpretazione di “Anna Karenina” debuttata recentemente in Russia con cui conquista anche il grande pubblico internazionale. Calca tanti ed importanti palcoscenici nel mondo, applaudita da migliaia di spettatori e adesso torna nella sua Assisi per danzare in uno spettacolo tra i più affascinanti e coinvolgenti La serata di domani si apre con la coreografia di Adriana Mortelliti su celebri canzoni francesi. Intramontabili ed indimenticabili successi di Edith Piaf, Jacques Brel, Yves Montand e soprattutto Charles Aznavour sono magistralmente interpretati dai danzatori dell’ensamble che, elegantissimi in Armani, Max Mara e Atelier Bianchi Milano, “raccontano” storie di tutti i giorni. E cosi ci si diverte, ci si stupisce e soprattutto ci si emoziona nel crescendo coreografico che culmina in “Danstes bras”        di Aznavour. Un sottofondo musicale inconfondibile anticipa la seconda parte, il celeberrimo “Bolero” di Ravel in cui i corpi dei protagonisti prendono vita sul coinvolgente ritmo ossessivo. Ed è proprio Angelica che, accanto al partner Alessandro Torrielli e a tutti i componenti dell’ensamble milanese, trascina in quel mondo di seduzione di cui il brano del compositore francese è simbolo e di cui lei ne è l’incarnazione perfetta.