Montecatini  inserita nella lista patrimonio Unesco:presidente Giani, “la Toscana inanella così la sua ottava perla”

Montecatini Terme è stata inserita nella lista delle città patrimonio dell’Unesco, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura.  Diventa così l’ottavo sito della Toscana e far parte della lista delle città patrimonio dell’Unesco.   “E’ una grande soddisfazione per tutti noi. Con l’inserimento di Montecatini nella lista dei luoghi dichiarati patrimonio Unesco, la Toscana – ha commentato il presidente Eugenio Giani – inanella l’ottava perla della sua splendida collana. Montecatini si aggiunge così ai centri storici di Firenze e Siena, a Pienza, San Gimignano, alla Valdorcia, ai giardini e alle ville medicee e a Piazza del Duomo di Pisa e si conferma come una delle regioni più notevoli al mondo. Siamo di fronte ad un graditissimo riconoscimento della qualità della cittadina pistoiese, ottenuto grazie alla sua storia, ai suoi monumenti, al verde dei suoi parchi e ai suoi straordinari stabilimenti termali . Si tratta di una buonissima notizia – cha concluso Giani – anche per i riflessi positivi che, ne sono certo, questa visibilità mondiale porterà sulle presenze turistiche: un riconoscimento importante che giunge dopo troppi mesi di crisi dovuta alla pandemia e che ci auguriamo consentirà alla città termale e al suo tessuto economico di risollevarsi più rapidamente”. Anche l’assessore regionale ai rapporti con gli enti locali, Stefano Ciuoffo, ha espresso la sua soddisfazione per l’iscrizione di Montecatini Terme nell’elenco dei siti patrimonio Unesco. Ecco la sua dichiarazione: “Montecatini Terme è iscritto nella lista del patrimonio Unesco! Un risultato non scontato che è stato raggiunto grazie ad un lavoro corale, durato dieci anni, e alla determinazione di chi all’epoca avviò questo percorso, in primo luogo l’ex sindaco Beppe Bellandi, ed i suoi collaboratori. Complimenti all’Amministrazione Comunale che, pur nelle alternanze politiche ha perseguito con tenacia questo obiettivo, che oggi è ufficialmente arrivato. Uno stimolo ulteriore a proseguire nell’impegno affinché questo patrimonio termale e culturale possa tornare ad essere un volano per la città e l’intera Toscana”.