Montepulciano: a  difesa dell’ambiente più raccolta differenziata, meno abbandoni indiscriminati.Da novembre, a Montepulciano e S. Albino, raccolta dei rifiuti “porta a porta” .All’inizio di ottobre le assemblee informative per i cittadini delle aree interessate

La preannunciata “rivoluzione” del servizio di raccolta dei rifiuti a Montepulciano (escluso il Centro Storico) e a Sant’Albino è ormai alle porte. Come si legge nell’Ordinanza firmata dal Sindaco Andrea Rossi , da lunedì 5 novembre sarà attivo infatti il sistema domiciliare, meglio conosciuto come “porta a porta”. Gli abitanti delle aree esterne al centro storico del Capoluogo (dove il servizio è attivo da oltre dieci anni) e della frazione termale di Sant’Albino dovranno quindi conferire i rifiuti lasciandoli al di fuori delle proprie abitazioni, secondo un ben preciso calendario. Il personale di Sei Toscana, gestore unico dei rifiuti dell’Ato Toscana sud, che si occupa del servizio di raccolta anche a Montepulciano, provvederà al ritiro dei sacchi ed avvierà così tutte le fasi successive di smaltimento e riciclo dei materiali. Nessuna novità interesserà di abitanti dell’area monumentale in quanto il servizio è stato oggetto di un recente aggiornamento, nella primavera scorsa. Il cambiamento epocale allinea dunque due nuove aree al Centro Storico, ponendosi due obiettivi centrali: incentivare ed aumentare la differenziazione dei rifiuti, fondamentale per una difesa globale dell’ambiente, e ridurre la presenza dei cassonetti, installazioni antiestetiche che spesso diventano luoghi di abbandono indiscriminato di ogni genere di scarto. Queste novità riguarderanno progressivamente tutto il territorio comunale, sia pure con modalità diversificate. Secondo le stime di SEI Toscana, la radicale riorganizzazione interessa circa 7.000 cittadini; la macchina organizzativa che deve attuarla si è quindi già messa in moto da tempo. Intanto, per presentare agli utenti il nuovo servizio, sono state indette due assemblee pubbliche: a Montepulciano, presso la Sala ex-Macelli, mercoledì 3 ottobre alle 21.00, e il giorno successivo, alla stesa ora, a Sant’Albino, presso il centro Civico. In quelle occasioni gli Amministratori ed i tecnici comunali ed i tecnici di SEI Toscana forniranno tutte le informazioni, anche quelle di carattere essenzialmente pratico. Dall’8 ottobre partirà invece la campagna di consegna a domicilio dei sacchi e delle dotazioni per la raccolta differenziata; gli stessi materiali potranno essere ritirati presso i punti fissi di consegna allestiti nel mese di novembre sia a Montepulciano sia a Sant’Albino nonché, successivamente, presso il centro di raccolta situato in località Valardegna. L’Ordinanza  stabilisce infine il futuro calendario dei conferimenti: il cosiddetto “multimateriale” (ovvero vetro, plastica, lattine e tetrapack), da raccogliere nei sacchi verdi, potrà essere esposto entro le 8.00 del martedì e sabato; la carta il giovedì, l’indifferenziato il venerdì, sempre entro la prima mattina. La frazione organica dei rifiuti dovrà essere chiusa in sacchi biodegradabili e conferita negli specifici bidoni, apribili con la chiave.