Montepulciano: i Carabinieri arrestano due persone che sottraevano da tempo il gasolio dei mezzi meccanici da una azienda agricola per  un valore di circa 30 mila euro. Li hanno sorpresi la notte scorsa mentre trasportavano 12 taniche da venti litri ciascuna fuori dall’azienda nella quale erano entrati utilizzando le chiavi in loro possesso. Si tratta di un 27enne dell’est europeo che lavorava nell’azienda e di un 60enne meccanico di Chianciano

In osservanza del famoso detto per il quale “tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino”, alla fine i nodi sono venuti al pettine e gli ammanchi notturni hanno trovato la loro causa, umana e non trascendente, com’era prevedibile. Da mesi presso un’azienda agricola di Montepulciano spariva il gasolio dei mezzi agricoli, grosse quantità che, visti gli enormi consumi annuali dei mezzi meccanici, avrebbero dovuto passare inosservate. Ma non è stato così. Un valore di 30 mila euro di gasolio non poteva sfuggire ai proprietari che, facendo due conti, si erano resi conto che i furti dovevano avvenire nottetempo e, solo di tanto in tanto, con una frequenza imprevedibile.  Pertanto hanno deciso di formalizzare una denuncia presso la caserma dei carabinieri della Compagnia di Montepulciano che hanno preso a cuore la questione  organizzando dei servizi mirati. Tra l’altro una loro squadra in borghese ha individuato una postazione nella quale trascorrere qualche nottata con tanto di binocoli agli infrarossi e visori notturni. Dopo alcuni servizi andati a vuoto finalmente qualcosa si è mosso. La notte scorsa , attorno alle 3, i carabinierihanno avvistato due persone che hanno fatto ingresso nella ditta con l’utilizzo di chiavi per il cancello dal quale si accede. Hanno atteso pazientemente e, al momento opportuno, quando i due personaggi a bordo di un pick up hanno cominciato ad allontanarsi, la gazzella che attendeva poco distante è intervenuta in modo perentorio, bloccando gli sconosciuti. Trasportavano 12 taniche da venti litri di gasolio ciascuna, appena sottratto all’azienda nella quale uno dei due è risultato lavorare, un 27enne dell’est europa. Aveva colpito quasi certamente per l’ennesima volta, con un suo amico italiano 60enne, che fa il meccanico a Chianciano. Benché entrambi incensurati, vista la piena flagranza, sono stati arrestati. Con ogni probabilità ora la contabilità dei carburanti in azienda comincerà ad avere un andamento regolare, senza anomali picchi di consumo, mentre qualcuno ha trovato il modo di perdere un buon posto di lavoro.