Montepulciano:  sindaco Angiolini, “saranno abbattuti alcuni pini potenzialmente pericolosi e situati nel cortile della scuola elementare ‘De Amicis’e lungo la strada di accesso”. In sostituzione saranno piantumati alberi autoctoni adulti del luogo

Il sindaco di Montepulciano Michele Angiolini ha annunciato che saranno abbattuti alcuni pini potenzialmente pericolosi  e situati nel cortile della Scuola Elementare “De Amicis”  e lungo la strada di accesso “al fine di garantirne la massima fruibilità, in sicurezza, da parte di studenti e insegnanti. Proprio per rendere pienamente agibile l’ampio giardino, a servizio della struttura che quest’anno ospita anche quasi tutte le classi della Media “Pascoli” (2 corsi su 3, il “musicale” rimane per ora nella sede tradizionale), si procederà all’abbattimento di alcuni pini  potenzialmente pericolosi .Questo bellissimo spazio non poteva essere completamente utilizzato per la presenza di recinzioni, installate – come barriere di protezione – al fine di limitare la pericolosità delle piante presenti; il portamento disordinato assunto sia dai tronchi sia dalle chiome degli alberi e la crescita delle radici in superficie per la natura non autoctona delle piante rispetto al terreno che le accoglie (problemi costantemente monitorati dai tecnici), rappresentano infatti  – ha aggiunto – un potenziale pericolo per la loro stabilità. I tecnici hanno inoltre rilevato danni che gli agenti atmosferici, nel tempo, hanno prodotto alle piante, e chiari segni della loro senescenza.  Vale, infine, la considerazione che i pini marittimi sono spesso infestati dalle cosiddette “processionarie” le cui emissioni possono provocare, nei bambini, reazioni allergiche anche gravi”. In sostituzione delle alberature rimosse, saranno progressivamente piantumate essenze autoctone, esemplari adulti di specie tipiche dei luoghi, in maniera ordinata e funzionale all’utilizzo dell’area, che andranno quindi a reintegrare il patrimonio naturalistico.Le nuove piantumazioni avverranno in coincidenza con la Festa dell’Albero, dunque in presenza degli alunni delle scuole, rappresentando così anche un elemento formativo e di accrescimento culturale.