Mps: on. Cenni (Pd) replica a on. Borghi (Lega), “non si gioca a risiko con i risparmiatori e i lavoratori”

Da Susanna Cenni, parlamentare del Pd alla Camera, riceviamo e pubblichiamo

“Il contratto di governo sottoscritto da Lega e Movimento Cinque Stelle e le recenti dichiarazioni del responsabile economico della Lega Claudio Borghi su Banca Monte dei Paschi di Siena hanno già prodotto effetti nefasti che risparmiatori e lavoratori Mps hanno potuto toccare con mano. Davvero uno strano modo di considerare Mps “Patrimonio dal Paese da salvaguardare”.  Fino a ora le uniche azioni concrete per rimediare a errori del passato, sono quelle svolte con serietà dal Governo a guida Pd e dal ministro Pier Carlo Padoan, che ha consentito un impegno diretto, una ripartenza e il rilancio dell’istituto senese. Spero che tali sforzi non vengano compromessi con improvvisazione e irresponsabilità da giocatori di risiko. C’è chi ha lavorato per la stabilità e il rilancio e chi in pochi minuti ha provocato una discesa pesantissima. Mi auguro che gli elettori ne tengano conto, come hanno già fatto nella fiducia accordata a Padoan a Siena durante le precedenti elezioni politiche, nelle scelte per le prossime amministrative”.