Piancastagnaio: una signora perde bancomat e un foglietto contenente il pin  e denuncia il fatto ai Carabinieri  aggiungendo poi una querela dopo il prelievo di 170 euro.Un 19enne , che lo aveva trovato prelevando quella somma si è presentato , dopo una paio di giorni, alla signora restituendo il bancomat  trovato per terra . La signora quindi ha ritirato querela e denuncia ma il procedimento penale andrà avanti d’ufficio

Meglio tardi che mai, le tentazioni inducono in errore ma ci si può anche pentire. Una signora di 46 anni, titolare di un noto agriturismo con annessa azienda agricola, aveva denunciato presso la Stazione Carabinieri di Piancastagnaio lo smarrimento del proprio bancomat che in breve aveva anche bloccato presso l’istituto di credito che lo aveva emesso. Nel frattempo però qualcuno aveva fatto uno strano prelievo, approfittando del fatto che assieme alla carta di pagamento la signora aveva perso anche un foglietto che indicava il codice pin. Il prelievo era anomalo per il fatto che erano stati sottratti solo 170 euro invece dei canonici 250. Sembrava che l’approfittatore di turno volesse dire: sono disonesto ma non troppo, non voglio toccare tutto il plafond. La signora aveva aggiunto così una bella querela, chiedendo che si procedesse nei confronti di chi forse le aveva rubato il bancomat in una situazione che la donna non sapeva ricostruire o ricordare in qualche modo. Un paio di giorni dopo un ragazzo di nemmeno vent’anni, uno studente, si è presentato a lei con tanto di scuse restituendo bancomat e denaro. Si era trattato di una leggerezza, secondo la ricostruzione di quest’ultimo; il ragazzo aveva trovato quella carta magnetica per terra con tanto di pin, davanti a un bar e si era fatto prendere dalla tentazione. Rimuginando poi sul proprio cattivo comportamento, avendo anche compreso chi fosse la persona derubata, aveva deciso di rimediare, pur andando incontro a un’inevitabile brutta figura. La donna quindi si è recata nuovamente dai Carabinieri ritirando denuncia e querela. Il problema è che non si tratta soltanto di un furto ma dell’indebito utilizzo di una carta di credito, un reato a se per cui si procede d’ufficio e il procedimento penale innescato andrà comunque avanti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena, anche se tutto sommato, si dovrà pur tener conto del ravvedimento dell’indagato, che a 19 anni ha commesso una sciocchezza ma ha avuto anche il coraggio di prendersi delle responsabilità.