Ponte Chiani: la Cantina dei vini tipici dell’aretino  anche quest’anno protagonista al Vinitaly

Di Claudio Zeni

“Esserci è fondamentale e con la nostra presenza vogliamo affermare non solo la visibilità della nostra cantina ma anche del territorio aretino”: dice Gianni Iseppi Direttore della Cantina dei Vini Tipici dell’Aretino di Ponte Chiani alla vigilia di Vinitaly 2018,la fiera di settore più importante in Italia e sicuramente un punto di riferimento a livello internazionale in programma a Verona dal 15 al 18 aprile . “Ci teniamo a rinnovare la nostra disponibilità – aggiunge -nei confronti dei clienti e visitatori trasferendo il più possibile l’esperienza e la filosofia del nostro marchio da Arezzo a Verona”.Tante, infatti, sono le ragioni per visitare Vinitaly, il salone internazionale del vino e dei distillati, nato nel 1967, che ha scandito l’evoluzione del sistema vitivinicolo nazionale e internazionale, contribuendo a fare del vino una delle più coinvolgenti e dinamiche realtà del settore primario. “Come ogni anno porteremo in assaggio l’intera gamma dei nostri prodotti – sottolinea Iseppi – il nostro desiderio, come ogni anno, è quello di far conoscere i nostri vini, il nostro territorio a buyer esteri ed italiani, ma anche agli appassionati del mondo del vino e ad i giovani che desiderano intraprendere una carriera nel mondo del  ‘Nettare di Bacco’”.“A Vinitaly si danno appuntamento tutti gli attori del comparto per conoscere le eccellenze, scoprire le tendenze del mercato e soprattutto fare business – conclude Massimo Peruzzi, Presidente della Cantina dei Vini Tipici dell’Aretino – la manifestazione investe sempre di più in innovazione e tecnologia per dare agli operatori strumenti digitali efficaci nel mettere in contatto domanda e offerta e nell’accorciare le distanze tra i continenti.Più di 400 appuntamenti in quattro giorni per rispondere a tutte le esigenze dei professionisti del settore”.