Sanità: segretari Pd Cetona, San Casciano dei Bagni, Sarteano a Regione Toscana, “non si tocca 118 ed emergenza urgenza per territori marginali”

Da Mirco Del Buono, Segretario Unione Comunale PD Sarteano;Sirio Bussolotti, Segretario Unione Comunale PD Cetona e Virginia Bisacchi Segretaria Unione Comunale PD San Casciano dei Bagni  riceviamo e pubblichiamo

“Di recente è apparsa sulla stampa la preoccupazione da parte di alcuni soggetti operanti nella sanità, tra cui le misericordie del senese, circa un depotenziamento del servizio 118 riguardo la presenza del medico a bordo. La notizia riguarda la zona del senese, ma le preoccupazioni per il funzionamento del servizio investono tutta la popolazione della nostra provincia. Se infatti progetti di riorganizzazione del servizio che ne riducessero la capillarità sul territorio e la costanza della presenza di personale specializzato dovessero andare a compimento, ciò comporterebbe un danno irreparabile soprattutto per i cittadini delle zone periferiche e montane.Chi vive in luoghi come i comuni di Sarteano, Cetona e San Casciano dei Bagni o altre aree periferiche, non può subire ulteriori penalizzazioni per la distanza dai principali presidi medici ospedalieri. Anzi bisognerebbe analizzare con attenzione l’eventuale necessità di un potenziamento dei servizi socio-sanitari nei territori marginali. La garanzia dell’erogazione di tali servizi è condizione imprescindibile per l’esercizio di un pieno diritto di cittadinanza.Tra questi, quello dell’emergenza-urgenza è forse il più importante, perché attiene al “patto” sancito tra pubblica amministrazione e cittadini circa il fatto che qualsiasi riorganizzazione della sanità non avrebbe leso il diritto di tutti ad avere un’adeguata prima assistenza in caso di bisogno.Un patto che va rispettato ad ogni costo, e che le unioni comunali del PD di Cetona, San Casciano e Sarteano intendono ricordare e rinnovare con forza.Per cui ci rivolgiamo alla Regione Toscana e al Pd regionale e provinciale per chiarire tutti gli aspetti che riguardano tali tematiche e rassicurare i cittadini delle aree marginali. “