Sarteano: al via la stagione teatrale . 11 spettacoli che spaziano dalla commedia musicale al monologo

In autunno si aprono le stagioni teatrali di città e paesi, e quella curata dalla Nuova Accademia degli Arrischianti di Sarteano non fa eccezione, proponendo un fitto calendario (11 spettacoli ) che parte dal 3 di novembre e arriva al 5 aprile.L’impegno organizzativo della piccola compagnia di Sarteano è ben conosciuto nel territorio, ma la stagione 2019-2020 stupisce per varietà e qualità delle proposte: monologhi, commedie, teatro giovani, commedia musicale, residenze nazionali, anteprime. Una realtà viva e dinamica che traspare dalle parole di Maria Pina Ruiu, che ha curato la stagione di quest’anno : “non siamo nuovi a eventi del genere, ma devo ammettere – ha commentato – che sono particolarmente soddisfatta della stagione di quest’anno: si inizia con un’anteprima nazionale, grazie ai nostri amici del Teatro dell’Elce di Firenze, si prosegue con una novità assoluta per noi, una residenza di due mesi di una regista internazionale, Àngels Aymar- che guiderà la nostra compagnia in un debutto molto interessante, e ci prolunghiamo nel nuovo anno con Francesca Sarteanesi degli Omini”.E non mancano spettacoli di teatro del territorio (Carlo Pasquini con la sua compagnia FUC e gli stessi Arrischianti per Capodanno con Gabriele Valentini e ad aprile con Laura Fatini), il ritorno di Livia Castellana, il Canto di Natale di Dickens ad opera di Luca Mauceri,  il teatro musicale con la compagnia Spazio Seme di Arezzo, il gruppo vocale Consonanti guidate da Chiara Giorgi e la musica originale di Ugo Sani.Molte sono quindi le proposte, rivolte ad un pubblico vario e contraddistinte dalla qualità attoriale e dalla ricerca drammaturgica sui testi proposti: gli Arrischianti lavorano da anni in questa direzione, che spazia dalla formazione (i laboratori teatrali per bambini, ragazzi e adulti condotti da Laura Fatini quest’anno hanno circa 70 iscritti), alla produzione di testi originali e prime nazionali, alle residenze di artisti internazionali.In questo filone si inserisce la residenza di due mesi di Àngels Aymar- attrice, regista, drammaturga catalana- che per il quarto anno consecutivo torna a Sarteano per lavorare con gli attori Arrischianti, proponendo stavolta la realizzazione di uno spettacolo, per la prima volta tradotto e allestito in Italia- Magnolia Cafè.“Torno sempre con gioia a Sarteano: gli attori, la compagnia tutta e il teatro sono molto accoglienti, e pronti a mettersi alla prova- afferma la Aymar-. Quando ho proposto di mettere in scena Magnolia Cafè sono stati immediatamente felicissimi e disponibili, dalla traduzione all’organizzazione della residenza. Nei giorni che sono in teatro ci sono sempre 2 o 3 attività in contemporanea, laboratori, corsi di musica, prove: è bellissimo vedere un teatro così abitato!”.Si inizia dunque il 3 novembre con Little Boy del Teatro dell’Elce di Firenze, anche loro a Sarteano in residenza per curare gli ultimi dettagli dello spettacolo: ancora pochi giorni e si alzerà il sipario dorato degli Arrischianti!