Sarteano: al via “VogliAmo leggere”, la rassegna d’incontri con l’autore .Si inizia sabato 29 settembre con un libro inchiesta che apre nuovi scenari sul rapimento e l’uccisione di Aldo Moro

Sarà un autunno all’insegna dei libri,a Sarteano, spaziando dalla grande storia, ai racconti sullo sport, fino alla scoperta delle radici della mezzadria. “VogliAmo Leggere”è un’iniziativa organizzata dal Comune, in collaborazione con l’associazione culturale Sarteanoviva e il Circolo Arci, che conta cinque presentazioni dislocate in diversi luoghi della socialità e della cultura, nei mesi di settembre ed ottobre. “Leggere significa conoscere, divertisti, emozionarsi, crescere. È  il primo tentativo di dare vita ad una rassegna di incontri importanti con autori noti o emergenti, comunque all’insegna della qualità – commenta il sindaco Francesco Landi ; si parlerà di storia nazionale, con la riapertura del caso Moro, di storia locale e di memoria contadina, per toccare anche momenti più divertenti legati alle storie di sport nei piccoli paesi, con l’ultimo libro di Riccardo Lorenzetti”.Si inizia sabato 29 (ore 17.30), al Teatro degli Arrischianti, con “Moro, il caso non è chiuso” (Edizioni Lindau), il libro-inchiesta scritto a quattro mani dalla giornalista Maria Antonietta Calabrò (per trent’anni al Corriere della Sera), e da Giuseppe Fioroni (Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro tra il 2014 e il 2017). Un libro che apre nuovi scenari sull’uccisione dello statista democristiano, avvenuta nel ‘78 per mano delle Brigate Rosse. Saranno presenti, oltre all’autrice Maria Antonietta Calabrò, anche Monsignor Paolo Fabbri, testimone diretto di alcuni fatti raccontati  nella pubblicazione.“VogliAmo leggere è una scommessa per un autunno diverso a Sarteano – commenta l’assessore al turismo e cultura, Flavia Rossi – ;cinque sabati pomeriggio in compagnia di una rassegna coraggiosa e interessante che si terrà sia nelle nostre strutture pubbliche destinate alla cultura, come il Teatro degli Arrischianti e la biblioteca comunale, che in altri luoghi di aggregazione come la biblioteca dell’associazione culturale Sarteanoviva o il circolo ricreativo per anziani “la Costa di Piazza” gestito dall’Arci. Associazioni che ringrazio per la preziosa collaborazione alla stesura del programma“.