Siena: è stato uno straniero a  filmare e a diffondere sui social le immagini della donna che si è uccisa gettandosi dalla Torre del Mangia. Si è presentato spontaneamente alla Procura della Repubblica mostrando “profondo dispiacere per la condotta tenuta”.

Dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Siena riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato firmato dal procuratore Salvatore Vitello

“Nel corso delle indagini  nei confronti di ignoti per il reato di omissione di soccorso (art. 593 c.p.) a seguito della diffusione sui social di immagini riguardanti la persona deceduta , Giulia Marcati, precipitata dalla Torre del Mangia, che si sono sviluppate, tra l’altro, con l’acquisizione di video dirette all’identificazione dell’autore,  si è presentato spontaneamente presso la Procura della Repubblica l’autore della ripresa e della successiva divulgazione delle immagini, assistito dai difensori.Il predetto, cittadino straniero, è stato, come richiesto dalla difesa, sottoposto ad interrogatorio dal Sostituto titolare del procedimento, con l’assistenza degli Ufficiali dei Carabinieri che seguono le indagini e con la presenza dei difensori. Nel corso dell’atto l’indagato ha ammesso il fatto mostrando piena consapevolezza della gravità dell’episodio e profondo dispiacere per la condotta tenuta”.