Siena: elezione presidente provincia; direzione provinciale Pd approva all’unanimità documento con il quale si impegnano “tutti i Sindaci, i gruppi consiliari e le Unioni Comunali nella costruzione di un consenso verso il candidato Franceschelli che sia il più ampio e trasversale possibile, non solo in una logica numerica, ma anche e soprattutto nell’ ottica di partire da queste elezioni di II livello nella costruzione di una alleanza di centrosinistra aperta alle altre forze politiche a noi affini, al mondo civico e sociale in vista delle amministrative del 2019″

Di seguito pubblichiamo  il documento che  la Direzione Provinciale del Pd  ha approvato con voto unanime:

“Ritenendo un errore che la Commissioni della Camera abbiano confermato il no ad un election day per le province nel decreto c.d. Milleproroghe e considerando, come ribadito dall’Upi il voto in più date una scelta irragionevole e fonte di sprechi, in quanto tra ottobre e gennaio Sindaci e i Consiglieri Comunali saranno chiamati più volte a votare, prima per il Presidente e poi, dopo due mesi, per il Consiglio provinciale;Ritenendo un ulteriore errore la non cancellazione dell’assurda regola che non consente ai Sindaci con meno di 12 mesi di mandato di candidarsi, norma che limita la rappresentanza democratica e territoriale;Preso comunque atto che , in base al Decreto Legge n. 91/2018 questa Provincia è tenuta a procedere alla indizione delle elezioni per il rinnovo del Presidente, che si terranno il prossimo 31 ottobre;Ritenendo il ruolo dell’ Ente Provincia strategico per lo sviluppo e la crescita dell’ intero territorio e ritenendo priorità assoluta una guida della Provincia da parte di un sindaco del Partito Democratico;Preso atto che, ai sensi della legge, non è possibile la candidatura di sindaci che abbiano meno di 12 mesi di mandato da svolgere;Al termine di un percorso partecipato e condiviso, nel quale sono stati coinvolti Sindaci, Capigruppo, segretari delle Unioni Comunali e rappresentanze politiche del Partito Democratico, come richiesto dall’ Assemblea Provinciale del 04/09/2018 la Direzione:Ringrazia il Presidente uscente Fabrizio Nepi, che nel corso di questi anni ha svolto il suo ruolo con capacità e generosità, attenzione ai territori e disponibilità al confronto;Ringrazia il Sindaco di Trequanda Roberto Machetti e il Sindaco di Sarteano Francesco Landi, entrambi potenzialmente candidabili al ruolo di presidente della Provincia;Ringrazia il Sindaco di Chiusi Juri Bettollinii, verso il quale un documento unitario della Val di Chiana, del quale la Direzione prende atto, si è espressa come candidatura di area, per la generosità e il senso di responsabilità con il quale si è messo a disposizione nell’ obiettivo di una candidatura unitaria e compatta del Partito Democratico;Indica, tenuto conto del percorso partecipato tra parte politica e amministrativa, delle composizioni territoriali e delle esigenze di rappresentanza diffusa, nel Sindaco di Montalcino Silvio Franceschelli il candidato alla carica di Presidente della Provincia di Siena;Ricorda che le candidature alla carica di Presidente sono presentate presso l’Ufficio Elettorale costituito presso la Provincia di Siena, con sede in Piazza Duomo, 9, nei seguenti giorni:
dalle ore 8:00 alle ore 20:00 di mercoledì 10 ottobre 2018
dalle ore 8:00 alle ore 12:00 di giovedì 11 ottobre 2018;
che le operazioni di voto si svolgeranno dalle ore 8:00 alle ore 20:00 nel seggio costituito presso la sede della Provincia di Siena il giorno 31 ottobre 2018 e che l’elezione del Presidente della Provincia avviene con voto diretto, libero e segreto sulla base di candidature sottoscritte da almeno il 15% degli aventi diritto al voto;Impegna tutti i Sindaci, i gruppi consiliari e le Unioni Comunali nella costruzione di un consenso verso il candidato Franceschelli che sia il più ampio e trasversale possibile, non solo in una logica numerica, ma anche e soprattutto nell’ ottica di partire da queste elezioni di II livello nella costruzione di una alleanza di centrosinistra aperta alle altre forze politiche a noi affini, al mondo civico e sociale in vista delle amministrative del 2019.”