Siena: “ Fellini, la dolce vita di Federico” chiude la stagione teatrale al Teatro dei Rinnovati

In occasione dei quarant’anni dalla morte di Nino Rota, tra i più grandi compositori italiani della storia del cinema, e degli imminenti cento anni dalla nascita di Federico Fellini, il 28 aprile alle ore 17, al Teatro dei Rinnovati , il Balletto di Siena celebrerà queste due figure chiave della cultura italiana.In scena, in prima nazionale, Fellini, la dolce vita di Federico, con la coreografia e regia di Marco Batti.Al centro l’opera di Federico Fellini, narrata con i brani dei compositori che hanno musicato i suoi maggiori titoli, Nicola Piovani e, ovviamente, Nino Rota. Filo conduttore del balletto saranno i personaggi principali dell’intramontabile La Strada (1954), nei quali la stessa Giulietta Masina, moglie e musa del regista riminese, affermò di rivedere Fellini: Gelsomina, la sua giovinezza; il Matto e l’imperterrita volontà di intrattenere e divertire e Zampanò, versione cinematografica di un Federico ormai adulto.Il balletto rivive quindi Fellini nella sua completezza, accompagnando il pubblico attraverso La Strada e le brevi immagini di altri film, da Amarcord a I Vitelloni fino all’iconico La dolce vita, tutti nati dalla collaborazione con Rota. La marcia di 8 e mezzo, inno dell’onirico e ruvido fellinismo, non può mancare in questo viaggio che introdurrà il pubblico nell’immaginario di uno dei più acclamati registi italiani di sempre.Lo spettacolo chiude il cartellone della stagione teatrale, organizzata dal Comune di Siena,  inserito all’interno della IX edizione di Festival Danza Excelsior (26/28 aprile).