Siena : il 18 gennaio assemblea associazioni e manifestazioni storiche aretine, grossetane e senesi

Associazioni e manifestazioni storiche a confronto nell’assemblea delle provincie di Arezzo, Grosseto e Siena. L’appuntamento è in programma sabato 18 gennaio, dalle 10.30, presso l’Archivio di Stato di Siena e rappresenterà un’occasione di confronto e di coordinamento tra tutte le realtà della Toscana del Sud impegnate in rievocazioni e in ricostruzioni dedicate ai fatti del passato. L’assemblea è promossa dal Comitato Storico Regionale come occasione per tracciare un bilancio delle attività svolte negli ultimi anni e per coordinare i programmi del prossimo quinquennio orientati alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio storico, identitario e culturale delle tre provincie, attraverso la condivisione di idee e l’attivazione di nuove sinergie.In quest’ottica, un contributo importante arriverà proprio dai rappresentanti di associazioni e manifestazioni aretine che, con ben trentanove realtà di città e vallate iscritte nell’aprile 2019 all’Elenco Regionale, risulta tra i territori più attivi nel tenere in vita le memorie storiche locali. Il portavoce di tale vitalità sarà Alessio Bandini che, coordinatore di Arezzo nel Comitato Storico e responsabile degli eventi dell’associazione Scannagallo di Pozzo della Chiana, illustrerà un bilancio delle iniziative svolte in Provincia e presenterà le principali esigenze emerse dagli iscritti all’albo per favorire il consolidamento, la crescita e la promozione delle varie rievocazioni. La giornata, svolta alla presenza delle varie istituzioni comunali e regionali, sarà inoltre arricchita dai contributi delle singole associazioni e manifestazioni, attivando così una costruttiva occasione di condivisione di esperienze, confronto, conoscenza e arricchimento reciproco. «L’assemblea – spiega Bandini, – sarà un momento per illustrare le attività del Comitato Storico e per ascoltare proposte e problematiche dalle tre provincie, in un contesto di eccezionale bellezza artistica e culturale come l’Archivio di Stato di Siena che ben si presta alle finalità di questa importante iniziativa».