Siena:Movimento “Per Siena” , “Sindaco assente in Consiglio e scelte opache: così si calpesta una istituzione”

Dal movimento “Per Siena” riceviamo e pubblichiamo

Un sindaco che non partecipa al Consiglio comunale, o che nasconde i motivi di scelte fondamentali come il rimpasto di una Giunta e il siluramento di un assessore, calpesta una istituzione e lascia seri dubbi sull’origine di certe scelte. Lo ha fatto notare in Consiglio comunale il movimento Per Siena, in una mozione alla quale non si è di fatto risposto, vista l’assenza del primo cittadino. «L’esclusione dell’avvocato Sportelli dalla Giunta – ha rimarcato il consigliere Vanni Griccioli – non sarebbe scaturita da una mancanza di stima, essendo legata ad altri fattori rimasti misteriosi. Ma se la gente deve valutare l’operato dell’Amministrazione, le ragioni delle scelte non possono essere congelate nel miglio verde! Nel caso specifico stiamo parlando di un candidato sindaco che alle scorse elezioni, grazie ai suoi voti, ha contribuito inequivocabilmente alla vittoria di De Mossi».Per il movimento Per Siena non si tratta di una semplice curiosità: dicendo «Lo sappiamo solo io e Sportelli» il sindaco sembra nascondere una verità non raccontabile. Quindi la sostituzione potrebbe essere la conseguenza di situazioni non trasparenti. Liquidare con una frase sibillina l’accaduto, ovvero: «Quello che accade nel miglio verde rimane nel miglio verde», è un affronto per tutti coloro che hanno creduto in quella semplice stretta di mano pre-ballottaggio, poi risultata una morsa fatale per l’avvocato Sportelli e le liste che rappresentava. Il civismo, tanto sbandierato dall’avvocato-sindaco è così scomparso, in pratica, dalla sua maggioranza”.