Sinalunga:  accorpamento classi scolastiche; Angelina Rappuoli (Lista civica),” materia di propaganda politica”

Da Angelina Rappuoli,candidata sindaco per la  Lista civica ‘Angelina per Sinalunga’, riceviamo e pubblichiamo

“Com’era facile prevedere, alla vigilia delle elezioni amministrative le forze politiche, tutte, politicanti di mestiere o aspiranti politici, si sono letteralmente tuffate nella discussione di questa spinosa e complessa problematica, promettendo alla cittadinanza sinalunghese, e specialmente ai genitori degli alunni, la fatidica luna nel pozzo. Deplorevole! È arcinota a tutti i cittadini la lettera con la quale l’UPS di Siena ha comunicato, in vista del prossimo anno scolastico, una sostanziale modifica da apportare in primo luogo alle classi del plesso scolastico di Bettolle,ma che interesserà tutta la comunità scolastica di Sinalunga. In sostanza, è intenzione del Provveditorato di effettuare un accorpamento delle classi prime della primaria in un’unica classe di 32 alunni e della secondaria in 31 alunni. In alternativa, di procedere a smistamenti degli alunni in plessi scolastici diversi, valendosi del cosiddetto stradario e di altre alchimie avvilenti, che sottraggono i bambini alla comunità scolastica di pertinenza,sradicandoli dal loro ambiente, e nel peggiore dei casi arrivano a forzare la mano ai genitori contrari a simili procedure di trasferimento dei bambini (quasi fossero merci da trasporto). Cosa inaccettabile già in sé e che peraltro prelude, malauguratamente, al decadimento del plesso scolastico ‘taglieggiato’ e della cittadinanza che attorno a quel plesso si raccoglie. Occorre, a questo punto, puntualizzare – in tema di accorpamento delle classi – che l’Amministrazione comunale uscente doveva, o avrebbe dovuto, essere a conoscenza che in base al D.M. del 18/12/1975 in una classe di scuola elementare con un numero di 25 alunni, essendo l’indice minimo per alunno di 1,80 mq, la superficie minima al netto degli arredi ha da essere almeno di mq 45; e doveva, o avrebbe dovuto, essere a conoscenza che in base al DPR del 20/03/2009 n. 81, l’art. 10 prevede: “Salvo il disposto dell’art. 5, commi 2  e 3, le classi di scuola primaria sono di norma costituite con un numero di alunni non inferiore a 15 e non superiore a 26, elevabile fino a 27 qualora residuino resti” (e lasciamo stare questo termine amministrativo orribile applicato a bambini!).In campagna elettorale, sparare a zero sull’amministrazione precedente è diventata una costante, perfino un po’ sciocca e qualche volta gratuita. Noi della lista civica Angelina per Sinalunga ci asteniamo pertanto dal farlo.Chiediamo invece alla Cittadinanza sinalunghese di eleggerci alla guida del Comune e di giudicare poi il nostro operato, a favore della scuola (come anche di tutti gli altri settori), a confronto con quello dell’amministrazione precedente. Il nostro motto è: Chi non sa fare, a casa!E ciò vale per tutti (a cominciare da noi).Ragionando in quest’ottica, senza venature polemiche, appare subito chiaro che, per quanto riguarda la scuola, l’Amministrazione comunale precedente,al pari del resto di quelle passate, non è stata capace di assolvere al compito che la legislazione attribuisce al Comune. Non ha saputo, la nostra Amministrazione comunale, guardare avanti, ossia non ha considerato che il calo delle natalità avrebbe inesorabilmente portato alle attuali conseguenze e che i problemi odierni di Bettolle a breve si faranno sentire anche a Pieve e a Sinalunga centro. Dato che il calo degli iscritti non si arresta e che il decreto legge citato risale a 10 anni fa, c’è da chiedere intantoall’Amministrazione uscente: perché non sono stati presi, in questi anni, iprovvedimenti di ristrutturazione delle aule per adeguarle ai mq di legge?Evidentemente toccherà all’amministrazione comunale che uscirà prossimamente dalle urne riprendere in mano tutta questa complessa materia scolastica, e cambiare radicalmente rotta. Questo la lista civica Angelina per Sinalunga si propone appunto di fare, con l’ausilio fattivo e il vigile consenso della Cittadinanza sinalunghese.Resta da dire, al momento, che alcuni giorni addietro la dirigente scolastica di Sinalunga ha cercato di risolvere il problema più urgente aProvveditorato (2 prime a Bettolle e 2 prime a Pieve). La ringraziamo per la sensibilità dimostrata verso i nostri bambini e la Comunità tutta e le garantiamo il nostro completo sostegno. Tuttavia questa deliberazione, raggiunta a prezzo di faticosi compromessi,non basta; non basta perché lascia irrisolto il problema di Pieve che avrà due prime elementari, una (praticamente al limite) di 26 alunni e un’altra di 25 alunni, numerosa e con bambino che abbisogna di cure ed attenzioni particolari. Ragion per cui noi della lista Angelina per Sinalunga diciamo:no, non va bene, rivediamo – col sostegno della cittadinanza di tutta Sinalunga – la situazione elementare di Pieve in modo da prestare attenzione e aiuto ai bambini tutti della nostra Comunità, specialmente ai più bisognosi. Anche perché la quadratura del cerchio nel caso della scuola  elementare sinalunghese, e dei suoi plessi la cui situazione è ancora da migliorare, sembrerebbe a portata di mano. Sinalunga centro avrà infatti, il prossimo anno scolastico, una sola prima, ma numerosa di ben 26 bambini e non ci vuole un genio, crediamo, per pensare che in luogo di due prime numerose alla Pieve e una sola numerosa a Sinalunga si possono costituire 2 prime alla Pieve e 2 prime a Sinalunga, in modo da avere classi non sovraffollate ove sia possibile alle insegnanti impartire una didattica decorosa. A questo – è curioso doverlo ricordare – serve la Scuola!”