Sinalunga: Michele Mancini, cinquantenne atleta  sinalunghese , ha partecipato alla spettacolare maratona di New York che l’ha visto ai nastri di partenza insieme ad oltre 3000 italiani. Tra di loro anche l’ex vicesindaco di Siena Fulvio Mancuso

Di Massimo Tavanti

“Un evento che rimarrà per sempre nella mia mente”. E’ raggiante Michele Mancini, il cinquantenne atleta di Sinalunga che l’altro ieri ha partecipato alla spettacolare maratona di New York che l’ha visto ai nastri di partenza insieme ad oltre 3000 italiani. “Non potevo  festeggiare meglio sia il mio compleanno che il venticinquennale di matrimonio con questa meravigliosa avventura – aggiunge – accompagnato da miei familiari, mia moglie in testa che mi ha regalato il viaggio”. Ma come nasce la passione per l’atletica? “Mi sono appassionato a questo sport  – continua  – seguendo proprio le imprese di maratoneti come Bordin, Pizzolato, Poli; ma la mia è più che altro una passione viscerale allo sport in generale soprattutto per il dilettantismo in genere, dal calcio, alla pallavolo all’atletica; per quest’ultima disciplina in particolare perché ti consente di praticarla a qualsiasi età. L’esperienza di New York è stata unica e mi devo veramente ricredere su quello che pensavo prima di parteciparvi. L’ho sempre vista come un evento commerciale e per questo la mia prima maratona all’estero l’ho disputata ad Atene,  ma devo dire che sia l’aspetto organizzativo, che la passione degli addetti e tutto quello che ruota intorno alla manifestazione non ha eguali: roba davvero da altro mondo: l’America. Tutto è cominciato  con il discorso del Sindaco di New York, l’inno americano e poi una fiumana di gente di oltre 50.000 persone che ha invaso il percorso con due ali di folla entusiasta; una emozione davvero grande che rimarrà sempre dentro di me. Poco importa – conclude il poliedrico atleta sinalunghese –  il tempo impiegato per tagliare il traguardo, perché l’obbiettivo era partecipare a questo straordinario evento che ha fatto concretizzare il mia sogno”. Tra gli italiani ha corso anche l’ex vicesindaco di Siena Fulvio Mancuso :”la maratona di New York – ha poi commentato è davvero un sogno. Un pezzetto di vita fuori dal tempo e dallo spazio. Bella, dura, unica. E soprattutto ora è finita! Grazie a tutti: alla mia squadra #menssana1871, ai miei amici#bafanarunners , alla mia famiglia che è qui con me nella Grande Mela. Ah, il tempo: 3h12’ e secondi spiccioli”.