Siria: Scaramelli (Pd), “No al silenzio. L’Europa  metta in atto ogni sforzo diplomatico necessario per fermare azione sanguinosa”.Il presidente della Commissione politiche sociali della Regione Toscana sull’attacco turco al popolo curdo

“Sempre e comunque dalla parte dei più deboli, il silenzio su questa vicenda non è consentito”. Così Stefano Scaramelli, presidente della Commissione politiche sociali della Regione Toscana, interviene sui bombardamenti turchi in Siria. “Assistere silenziosi a ciò che sta accadendo al popolo curdo non è tollerabile – prosegue Scaramelli – . Sarebbe un tradimento dei nostri valori fondativi, come Italia, come Europa, non cercare di mettere in atto ogni sforzo diplomatico necessario e possibile per fermare l’azione sanguinosa, ingiusta e ignobile a cui stiamo assistendo. Non possiamo voltare la faccia di fronte a questa guerra. Non possiamo voltarci davanti a un popolo che ha rappresentato un argine contro l’Isis, che è stato di esempio anche per l’emancipazione femminile in un lembo di terra dove nascere femmina non agevola le condizioni di vita. Un popolo tradito più volte nella storia, ancora senza Stato- conclude –  da un secolo in cerca della propria indipendenza, che non può e non deve essere aggredito”.