Solo l’aretina Silvia Baracchi è rimasta in gara nel sondaggio di “Italia a tavola”

di Claudio Zeni

Si è chiusa la prima delle tre parti della 12ª edizione del sondaggio di Italia a Tavola. Al secondo turno tra i 12 candidati per ognuna delle 6 categorie è rimasta in gara a tenere in alto la ‘bandiera aretina’ solo Silvia Baracchi de Il Falconiere di Cortona nella categoria Cuochi, mentre Massimo Rossi del Ristorante Belvedere di Monte San Savino nella categoria Sale e Hotel e Renato Pancini della Pizzeria Al Fogher di Arezzo nella categoria Pizzaioli non sono riusciti ad ottenere i voti sufficienti per accedere alla semifinali del sondaggio.Per questo primo turno ben oltre 215mila i votanti, mentre dalle 12 di oggi 6 gennaio fino a mezzanotte del 26 gennaio è possibile tornare a votare per decidere i 6 finalisti di ogni categoria.Tra i Cuochi ha chiuso in prima posizione Rosanna Marziale con una decina di voti di vantaggio sui fratelli Antonio e Vincenzo Lebano e un centinaio su Massimo Bottura. Carlo Cracco, Filippo La Mantia, Cristoforo Trapani, Bruno Barbieri, Viviana Varese, Ciccio Sultano, Silvia Baracchi, Gennaro Esposito e Niko Romito sono gli altri qualificati.Tra i Pizzaioli invece è sempre Franco Pepe a comandare con quasi 9mila voti, mentre il direttore di sala Antonio Riontino è stato il più votato del primo turno nella categoria Sala e Hotel. Con l’inizio del secondo turno tutti i voti ottenuti fino a qui dai candidati verranno azzerati e si ripartirà così da zero. Una “gara” tutta nuova che consentirà a tutti i candidati di ottenere più voti. In tutti e tre i turni, il voto si effettua esprimendo da 1 a 3 preferenze in almeno una delle 6 categorie di candidati accedendo a questo link https://www.italiaatavola.net/premio-iat/2019Si potrà votare una sola volta per turno (come nelle passate edizioni del sondaggio, operazioni di voto scorrette saranno individuate e non influiranno sul regolare svolgimento delle votazioni; usando più di una volta lo stesso IP il voto sarà automaticamente invalidato). Indipendentemente dal numero di preferenze espresse (da 1 a 18 in totale), ogni votante sarà conteggiato una sola volta per turno.