Toscana: autismo ; in consiglio regionale passa la mozione della Lega, emendata, per l’aumento dei contributi alle cure

“Sono molto soddisfatto di aver potuto dare un aiuto concreto alle famiglie che ci hanno segnalato questa differenza tra contributo erogato dal servizio sanitario regionale e effettivo costo delle cure per i ragazzi autistici – dice il consigliere regionale della Lega  Jacopo Alberti, primo firmatario della mozione che è stata votata oggi all’unanimità dal consiglio regionale della Toscana– . La Toscana ha fatto molto negli ultimi anni per i disturbi dello spettro autistico e per la disabilità in generale, ma ci siamo permessi di portare all’attenzione del consiglio e dell’assessore un problema che forse era passato inosservato: la delibera del 2001 che stabiliva in 30mila lire il contributo per i trattamenti comportamentali dei soggetti affetti da autismo. Grazie alle segnalazioni pervenute anche al consigliere Marco Casucci, abbiamo approfondito e studiato la questione, e oggi possiamo dire che abbiamo risolto un problema a tante famiglie in difficoltà”. “Ringrazio i miei colleghi consiglieri della Lega, che mi hanno supportato, e anche la maggioranza che, seppur emendando il testo, ha accolto le nostre richieste. Di fronte a certi argomenti, e a un problema così concreto, l’aula del consiglio è riuscita a superare le barriere dell’ideologia politica. La Toscana è sempre stata molto attenta alle persone fragili e alle disabilità, e sono contento di poter dire che un piccolo tassello di questa attenzione, da oggi, è merito della Lega. Adesso – conclude Alberti – non vedo l’ora di poter comunicare a quelle famiglie in difficoltà che questa battaglia che abbiamo combattuto insieme per i loro figli l’abbiamo vinta”.