Toscana: Coronavirus; Marcheschi (FdI),“la Regione chiarisca in fretta se vuol dare il via alla Commissione di indagine sulle Rsa o se intende fare Ponzio Pilato”.

Dal Consigliere regionale Paolo Marcheschi (Fdi) riceviamo e pubblichiamo

“ E’ grave che si continui a perdere tempo e non si percepisca la drammaticità della situazione. Al di là delle approvazioni verbali, ancora non ho avuto risposte in merito alla Commissione d’indagine del Consiglio Regionale. Attendo i fatti perché l’aria che tira è pessima, non solo per chi lavora o soggiorna nelle Rsa e le Case di Cura toscane ma anche per coloro che attendono di far luce sulle morti e sulle procedure adottate per evitarle. Non vorrei che questa perdita di tempo nascondesse la volontà della maggioranza di trovare un capro espiatorio, magari ideologico. Colpa del privato. Troppo facile. Se ci saranno state responsabilità dei singoli gestori delle strutture dovranno essere le Procure ad accertarlo, a noi compete andare a fondo e capire se le ordinanze di Rossi sono state adottate dalle singole strutture e cosa hanno fatto in conseguenza le Asl per verificarne l’applicazione. Le Asl più che indagare sono chiamate a chiarire in piena trasparenza le modalità che hanno adottato per limitare questi danni . Nella catena del comando la Regione e le Asl hanno dato disposizioni tempestive, esaustive, chiare e non equivoche? Sono state adottate dalle strutture in modo compiuto? Chi ha controllato dell’Asl o avrebbe dovuto farlo? I Sindaci, che hanno responsabilità sulla salute pubblica, hanno avuto disposizioni dettagliate su come comportarsi nel proprio Comune? Sono molte le cose da approfondire e sono certo che il Consiglio Regionale voglia fare chiarezza e definire in modo trasparente cosa ha funzionato e cosa no, in modo da adottare le misure necessarie per evitare che si ripetano episodi cosi dolorosi che vedono primeggiare la Toscana in questa macabra classifica”.