Toscana: servizio 118; Rossi (Cna pensionati),”i medici tornino in ambulanza”

In questi giorni c’è un dibattito molto acceso sull’assenza del medico in ambulanza nei mesi estivi. Su questo tema è intervenuta anche Cna Pensionati: “Siamo molto preoccupati per la riorganizzazione del servizio – dice il presidente Alberto Rossi -; in ogni caso per prima cosa è necessario che venga fatta chiarezza su come in realtà verrà svolto, quindi capire le conseguenze ed i rischi. Alcuni stanno strumentalizzando questa vicenda a fini meramente politici, creando solo confusione e rischiando così di allontanare le possibili soluzioni. Terminati i lunghi mesi delle campagne elettorali è tempo che il dialogo fra gli enti locali, la Regione e l’Asl riprenda nuovo slancio. Purtroppo constatiamo che alcuni organismi consultivi all’interno della Società della Salute sono stati depotenziati ed addirittura sono state escluse alcune associazioni, andando nella direzione opposta rispetto a quando da noi auspicato e chiesto. Questi sono i risultati. Ognuno nella filiera della salute deve svolgere il suo ruolo affinché tutto funzioni al meglio. Sulla sostituzione dei medici in ambulanza con infermieri è dunque opportuno mettere uno stop per capire bene se ci possono essere altre soluzioni che tutelino ancora di più e meglio i cittadini. Poi dovrà essere spiegato in modo molto chiaro come funzionerà il 118. Come rappresentanti di migliaia di persone- conclude Rossi –  siamo molto attenti a quanto sta accadendo in questi giorni e ne abbiamo parlato nei nostri organismi, dove è emersa una grande preoccupazione”.