Toscana : vaccini; Scaramelli (Italia Viva), “Commissione d’inchiesta priva di senso. I correttivi che avevamo chiesto sono arrivati, i sanitari vanno ringraziati e non indagati. Italia Viva non parteciperà alla Commissione” 

“Indagare su cosa? Oggi servirebbe far vaccinare tutti e ringraziare chi ha lavorato e creduto all’importanza della scienza in questi mesi portando, grazie alla vaccinazione, alla riduzione di ospedalizzazioni, terapie intensive e decessi”. A dirlo Stefano Scaramelli, vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana e capogruppo di Italia Viva, sulla Commissione d’inchiesta che si insedierà oggi a Palazzo del Pegaso. “Come Capogruppo di Italia Viva in Consiglio regionale ho deciso – spiega Scaramelli – di non far partecipare la forza politica che rappresento alla Commissione d’inchiesta sui vaccini perché, a mio avviso, è fuori luogo, è priva di senso. Oggi non serve indagare sui vaccini, su come e dove si fanno. Nei mesi scorsi, fortunatamente, le nostre proposte sono state accolte e recepite. Siamo stati i primi ad essere critici quando le cose non funzionavano bene. Abbiamo avanzato sempre proposte nel merito delle questioni. E devo dire che sono sempre state accolte. Oggi i vaccini ci sono, le metodologie funzionano e soprattutto è ben organizzato chi ci lavora e chi cura distribuzione e logistica”.  Da Scaramelli arriva quindi un secco no alla Commissione d’inchiesta e un forte ringraziamento al personale sanitario: “a mio avviso oggi serve ringraziare e tutelare soprattutto medici, infermieri, farmacisti e operatori sanitari che da mesi sono impegnati in prima fila nella lotta al Covid. Vanno ringraziati e non indagati. Oggi servirebbe, tutti insieme, lavorare per convincere chi ha paura e fa resistenza a vaccinarsi. Solo così usciremo tutti insieme da questa pandemia”.