Toscana:sanità ; FP CGIL – FP CISL – FPL UIL ,“mancanza di personale e sofferenza dei servizi: è ora di curare la sanità nell’Azienda Usl Toscana Sud Est”

Da FP CGIL, FP CISL e FPL UIL Azienda Usl Toscana Sud Est riceviamo e pubblichiamo

“Da troppo tempo il personale dell’Usl Toscana Sud Est è in sofferenza e da troppo tempo continuiamo a segnalare criticità diffuse. Ferie ed ore straordinarie accumulate, rientri continui, attività in aggiuntiva, attività “a scavalco” tra servizi diversi, uso costante di personale interinale… sono tutti segnali di un unico “male” della nostra sanità: manca peronale. Non ci basta più che vengano deliberate assunzioni “spot” perché l’esodo è continuo e progressivo ed inoltre l’età media dei lavoratori avanza. C’è bisogno di una vera e propria programmazione di ampio respiro. Un piano imponente di terapia d’urto della Sanità Toscana, e nel caso specifico dell’Azienda Usl Toscana Sud Est. Il fatto che i concorsi siano gestiti da Estar, con interminabili procedimenti assunzionali, non può essere una valida motivazione alla mancanza di personale: significa che non c’è una programmazione efficace e che non si ragiona in ottica prospettica ma si vive il quotidiano con ciò che ne consegue per cittadini e lavoratori. Se i tempi di Estar sono titanici, allora le politiche assunzionali non possono essere risicate, per ovvi motivi.Questa continua emergenza costa alle tasche dei contribuenti in termini di ore straordinarie (attività aggiuntiva, straordinari) ed in termini di qualità dei servizi (percepita e/o reale), ed ai lavoratori in termini di sacrifici personali e di sicurezza.Infermieri, Oss, Tecnici, Amministrativi, non ci sono figure professionali che siano immuni da questa emorragia che ancora non si riesce a tamponare, e le emorragie, si sa, possono avere tragici epiloghi.FP CGIL, FP CISL e FPL UIL chiedono un impegno immediato da parte della Regione Toscana e della Direzione dell’Usl Toscana Sud Est ad affrontare un problema che da cronico rischia di diventare irreversibile, con le inevitabili conseguenze che tutti possiamo immaginare.”