Castiglione della Pescaia : inaugurata l’opera “I tre illuminati” dedicata Italo Calvino, Georg Solti e Caro Fruttero. Una nuova tappa della Biennale dello Scarto in Maremma.

L’arte di Rodolfo Lacquaniti protagonista a Castiglione della Pescaia, in piazza Solti, dove  è stata inaugurata l’opera “I tre illuminati”, nuova tappa della Biennale dello Scarto in Maremma. “I tre illuminati” è dedicata a Italo Calvino, Georg Solti, Carlo Fruttero e ai loro meravigliosi viaggi a Castiglione della Pescaia, come ha spiegato lo stesso artista Rodolfo Lacquaniti, durante la presentazione, che è stata arricchita dagli interventi di prestigiosi relatori: Carlotta Fruttero, figlia di Carlo; Patrizia Guidi, direttrice della Biblioteca comunale Italo Calvino di Castiglione della Pescaia; Roberta Biondi, responsabile delle attività della Georg Solti Accademia. Per il Comune di Castiglione della Pescaia è intervenuta Susanna Lorenzini, assessore al Turismo. Carlotta Fruttero figlia di Carlo, ha sottolineato il forte legame di amicizia che c’è sempre stato tra Fruttero, Calvino e Solti. Ha iniziato il suo intervento leggendo un brano tratto da “La patria bene o male”, che uscì nel 2010 a doppia firma di Fruttero e Gramellini in occasione dei 150 anni della Repubblica italiana (1860-2010). Nel brano il padre racconta i mondiali di calcio del 1982: Fruttero guardò tutte le partite nella casa di Calvino a Roccamare, fino alla finale che portò alla vittoria dell’Italia. In questo brano c’è tutto, il legame del padre con Castiglione della Pescaia e il suo rapporto di amicizia con Calvino, che Fruttero ha sempre frequentato, così come ha frequentato Solti. “Trovo che l’opera di Lacquaniti I tre illuminati sia un bellissimo omaggio dell’artista non solo ai singoli personaggi quanto piuttosto alla grande amicizia che li univa – ha detto Carlotta Fruttero  – ed è meraviglioso che questa installazione sia stata posizionata proprio in piazza Solti, a Castiglione della Pescaia. Fruttero, Calvino e Solti erano dei veri amici. Tre illuminati, come li definisce Lacquaniti, uniti dallo stesso amore per questo splendido territorio, che avevano scelto tutti e tre, come terra d’elezione per creare le loro opere, per incontrarsi e scambiarsi  idee e opinioni, ma anche per riposare e trascorrere del tempo libero con le loro famiglie.” Patrizia Guidi, direttrice della biblioteca comunale ha fornito spunti di riflessione su Italo Calvino: “Penso che sia stato un personaggio sconcertante.  – ha dichiarato – Il suo pensiero ha precorso i tempi; i suoi scritti risultano ancora oggi quanto mai attuali e lo saranno anche per le generazioni future; il suo spaziare in molteplici generi letterari non ha eguali; la sua influenza nella letteratura è indiscussa. Sono orgogliosa che abbia amato così tanto il nostro paese”.  “Solti, insieme alla moglie Valerie – ha commentato Roberta Biondi, responsabile delle attività della Georg Solti Accademia – ha trovato a Castiglione della Pescaia un luogo magico dove poteva sentirsi  finalmente a casa, dopo anni trascorsi da esule e godere di una quotidianità in cui, oltre al riposo con la famiglia e gli amici, trovava ispirazione per la propria creatività artistica, grazie alla natura meravigliosa e incontaminata ed alla semplicità di rapporti umani genuini e sinceri. Castiglione lo ha accolto fra i suoi cittadini onorari e gli ha intitolato la piazza in cui è collocata la scultura che lo rappresenta con i suoi illustri amici Illuminati, unendo al ricordo del personaggio la celebrazione della sua visione artistica: per Solti era fondamentale per il futuro della musica un confronto fra generazioni di artisti che tramandasse la tradizione rendendola contemporanea; questa idea, da cui è nata l’Accademia di Bel Canto che porta il suo nome a Castiglione della Pescaia, trova grande corrispondenza nella concezione di Rodolfo Lacquaniti di un’arte circolare e sostenibile, in cui il passato prende nuova vita nel presente e si proietta verso il futuro”.