Montepulciano: il Comune lancia una campagna rivolta a tutte le associazioni sportive per sondare la loro disponibilità a presentare progetti per valorizzare gli impianti sportivi e quindi creare le basi per “ripartire” dopo un anno di Covid. Previste forme di finanziamento come il “Superbonus 110%”  e la possibilità di rinegoziare le concessioni, prorogando fino a 3 ulteriori anni la durata del rapporto.

Il Comune di Montepulciano ha lanciato una campagna rivolta a tutte le associazioni sportive del territorio e alle società che gestiscono in concessione impianti sportivi pubblici.L’obiettivo è sondare la disponibilità a presentare progetti di valorizzazione degli impianti sportivi che consentano di potenziare l’offerta delle associazioni, ampliarne l’attività e quindi creare le basi per “ripartire” dopo un anno di estrema difficoltà per lo sport quale è stato il 2020. Come ha informato il sindaco Michele Angiolini “il piano è contenuto in una deliberazione recentemente approvata dalla Giunta Comunale in cui l’Amministrazione, dopo aver compiuto un approfondito esame della situazione, coinvolge numerosi uffici nella fase operativa vera e propria.  Il progetto parte da una fotografia dei mesi trascorsi in cui notevole è stato l’impatto dei provvedimenti governativi sullo svolgimento di tutte le attività sportive, anche quelle svolte negli impianti, che ha avuto come conseguenza il venir meno della maggior parte degli introiti delle società e associazioni che li gestiscono ed un aumento delle spese per garantire condizioni minime di sicurezza, come la sanificazione dei locali o la riduzione del numero delle presenze di praticanti. La chiave per la ripresa viene individuata nell’ammodernamento e valorizzazione degli impianti in concessione, ai quali le diverse realtà potrebbero procedere ricorrendo a forme di finanziamento come il “Superbonus 110%”, e nella contemporanea possibilità concessa dalle norme agli Enti di rinegoziare le concessioni, prorogando fino a 3 ulteriori anni la durata del rapporto. L’allungamento dei termini terrebbe anche in considerazione il fatto che – ha aggiunto il primo cittadino – gli interventi di efficientamento effettuati avvalendosi delle norme del 110% sono soggetti a controlli fino a 8 anni seguenti al loro svolgimento.In tal modo, contando sulla ripresa delle attività e sul maggior richiamo esercitato da impianti più funzionali e sicuri, si perseguirebbe il riequilibrio economico-finanziario dei bilanci delle associazioni e allo stesso tempo si migliorerebbe il patrimonio pubblico di immobili e dotazioni compreso in questo comparto”. Il Comune di Montepulciano , come ha sottolineato sempre il sindaco , riconosce il ruolo centrale delle associazioni e delle società sportive, “elogiando l’impegno che hanno profuso e stanno mostrando per garantire, anche in questa difficilissima fase, il presidio e la gestione degli impianti, e per assicurare la più ampia offerta di attività sportiva anche in favore delle fasce più svantaggiate della popolazione.E’ dunque interesse (nel senso migliore del termine) dell’Ente che le associazioni possano continuare a vivere e a svolgere questo importantissimo ruolo per il benessere della persona ma anche sociale ed economico”.  Per attuare questo piano, quindi, oltre a dargli adeguata pubblicità, l’Amministrazione Comunale è in contatto con tutte le associazioni e le società che gestiscono gli impianti comunali per valutare concordemente la possibilità di presentare progetti ed il concomitante ampliamento della durata delle convenzioni. (Foto di Massimiliano Morriconi)